Due uomini e mezzo

2003 - 2015

Due uomini e mezzo: Angus T. Jones chiede scusa

In seguito alla pubblicazione di un video denigratorio nei confronti della comedy, l'attore ha rilasciato un comunicato di scuse ufficiali.

L'ultima bufera mediatica che ha colpito Due uomini e mezzo è durato praticamente mezzo secondo rispetto al maelstrom di diatribe creato da Charlie Sheen due anni fa, ma questo non vuol dire che sia stato meno incisivo. Il video postato da Angus T. Jones in questi giorni dove esorta il pubblico a non seguire più la commedia, a "non riempirsi la testa di spazzatura" ha colpito al cuore i fan della serie e ha sicuramente creato un grosso attrito tra Jones e la produzione. La Warner Bros e la CBS sono intervenute tempestivamente e con tutto il peso di probabili minacce legali ai danni di Jones, che ha apertamente diffamato la serie. Dopo neanche un giorno l'attore ha fatto marcia indietro rilasciando un comunicato ufficiale di scuse:

"Sono stato al centro di discussioni, speculazioni e commenti durante le ultime 24 ore. Nonostante non possa controbattere tutto ciò che si è detto o chiarire tutti i malintesi c'è una cosa che voglio sia ben chiara. Sono grato e ho il più alto rispetto per tutte le persone meravigliose con le quali ho lavorato negli ultimi dieci anni e che sono diventate un'estensione della mia famiglia. Chuck Lorre, Peter Roth e molti altri alla Warner Bros e CBS sono responsabili per una delle mie esperienze più significative fino ad oggi. Li ringrazio per l'opportunità che mi hanno dato e che continuano a darmi, per l'aiuto e la guida che ricevo da loro. Voglio inoltre che tutto il cast e la troupe sappiano quanto io li abbia a cuore e quanto apprezzi il loro supporto. Sono cresciuto con loro molto spesso hanno trascorso più tempo con me che con le loro famiglie. Ho imparato importanti lezioni di vita da molti di loro e non dimenticherò mai l'impatto positivo che hanno avuto nella mia vita. Mi scuso se le mie affermazioni hanno mostrato indifferenza o mancanza di rispetto verso i miei colleghi o mancanza di apprezzamento per la straordinaria opportunità che ho ricevuto. Non è mai stata mia intenzione".

Di certo una dichiarazione esaustiva intesa a gettare acqua sul fuoco. Intanto però, c'è da considerare il fatto che Jones non sarà presente nella produzione dei prossimi due episodi della serie. Fonti interne assicurano che si tratta di una coincidenza, ma non possiamo fare a meno di pensare a una sorta di punizione. Interrogato in merito al pasticcio creato da Jones, Charlie Sheen ha dichiarato con convinzione che la serie è "maledetta". E se avesse ragione?

Due uomini e mezzo: Angus T. Jones chiede scusa
Privacy Policy