Cosa voglio di più alla Berlinale

Il film di Silvio Soldini sarà presente a Berlino nella sezione Berlinale Special Gala e uscirà nelle sale il prossimo 30 aprile 2010.

Cosa voglio di più, il nuovo film di Silvio Soldini distribuito da Warner Bros. Pictures Italia, è atteso fuori concorso nella Selezione Ufficiale della 60esima edizione del Festival di Berlino. Silvio Soldini, già presente al festival tedesco nel 2002 con Brucio nel vento, porterà così alla ribalta internazionale il suo ultimo lavoro, nel quale Alba Rohrwacher interpreta una donna già legata sentimentalmente (a Giuseppe Battiston) che entra in crisi quando incontra un altro uomo (Pierfrancesco Favino) a sua volta sposato. I due vivranno un'intensa storia d'amore, ma dovranno confrontarsi con problemi pratici e morali, sullo sfondo della Milano del nostro tempo.

La Warner Bros. ha deciso di spostare la data di uscita al 30 aprile 2010. Paolo Ferrari così commenta: ''Siamo felici di riscontrare l'interesse di un importante festival come quello di Berlino per l'ultimo lavoro di Soldini. E proprio per dare al film l'opportunità di tenuta ed esposizione che merita abbiamo deciso di spostarlo al 30 aprile, per uscire dall'imbuto di film italiani proposti al mercato nei primi tre mesi dell'anno e quindi dare al pubblico il tempo di apprezzarlo e di poterlo scegliere. Nell'interesse di Soldini e del migliore sfruttamento del cinema italiano in generale". Lionello Cerri, produttore del film: "Sono felice che Cosa voglio di più sia stato selezionato nella prestigiosa sezione Berlinale Special Gala, un giusto riconoscimento all'ultimo lavoro di Silvio Soldini che siamo molto fieri di aver prodotto. D'accordo con Warner, ritengo che lo spostamento della data di uscita possa valorizzare il film evitando l'eccessivo affollamento di titoli italiani in un unico periodo. Questo spostamento contribuirà inoltre all'allungamento della stagione anche del cinema di qualità garantendo film non solo per il circuito dei multiplex ma anche per le sale di città".

Cosa voglio di più alla Berlinale

Fonte: comunicato stampa

Privacy Policy