Addio a Marcello D'Orta, il 'maestro sgarrupato'

L'autore di 'Io speriamo che me la cavo', caso letterario del 1990, si è spento a Napoli. Aveva 60 anni e da tempo era malato di tumore.

Ci lascia Marcello D'Orta, ex-insegnante di scuola elementare che nel 1990 divenne celebre con numerose apparizioni al Maurizio Costanzo Show, e con il libro Io speriamo che me la cavo, dal quale fu tratto un film di Lina Wertmuller, con Paolo Villaggio nel ruolo del maestro che si ritrova in una cittadina della periferia napoletana, e affronta i problemi che affliggono la scuola elementare in cui è stato appena trasferito.
Io speriamo che me la cavo ebbe dei seguiti letterari (tra cui Dio ci ha creato gratis, anche questo adattato per lo schermo) nei quali, sempre attraverso i temi dei suoi alunni, D'Orta offriva un punto di vista particolare su temi importanti come la religione, la camorra, la scuola.

I funerali di Marcello D'Orta si terranno domani nella chiesa di San Francesco di Paola, a Piazza Plebiscito, a Napoli. La funzione sarà officiata dal figlio di D'Orta, Giacomo, che è sacerdote.

Addio a Marcello D'Orta, il 'maestro sgarrupato'
Privacy Policy