True Blood

2008 - 2014

True Blood: commento al secondo episodio della stagione 7, I Found You

Dopo il riassestamento di plot avvenuto nella première di stagione, il secondo episodio indugia incerto fino alla sconvolgente rivelazione finale. True Blood va in onda su Fox, canale 112 di Sky, ogni lunedì alle ore 22:45 dal 30 giugno, in contemporanea con gli Stati Uniti, in lingua originale con sottotitoli in italiano.

Plot

A Bon Temps sono tempi duri: la città è stata attaccata da un gruppo di vampiri affetti da epatite V, che hanno massacrato la popolazione e rapito diverse persone, tra cui Arlene (Carrie Preston), Holly (Lauren Bowles) e Nicole (Patricia Bethune). Sconvolti dalla morte di parenti e amici, gli abitanti della città sembrano tutti uniti nel dare a Sookie (Anna Paquin) la colpa dei tragici eventi accaduti, per via delle sue relazioni con diversi succhia sangue. Nonostante l'ondata d'odio che la investe, la ragazza è determinata a ritrovare le sue amiche scomparse e, con l'aiuto di Alcide (Joe Manganiello), Sam (Sam Trammell), Andy (Chris Bauer) e del fratello Jason (Ryan Kwanten), si mette sulle tracce dei pericolosi assassini. Nel frattempo proprio Jason è preda di sogni dall'alto contenuto erotico: il ragazzo immagina di avere un ménage piuttosto focoso con lo scomparso Eric Northman (Alexander Skarsgård), il tutto mentre dorme su una panca della chiesa.

Mentre Sookie e gli altri sono sulle tracce del gruppo di vampiri, a Bon Temps un gruppo di persone istiga gli altri concittadini a prendere il controllo della città e Adilyn (Bailey Noble), nel tentativo di placare la folla, scopre di avere i poteri da fata, fatto che spinge i facinorosi a rinchiuderla in prigione. Nel frattempo Lettie Mae (Adina Porter) cerca in tutti i modi di ottenere del sangue di vampiro e lo chiede prima al nipote Lafayette (Nelsan Ellis) e poi con un sotterfugio a Willa (Amelia Rose Blaire): bevuto il sangue della vampira la donna ha delle visioni della figlia Tara (Rutina Wesley), che cerca di dirle qualcosa ma la donna non riesce a sentire. Ancora rinchiuse nei sotterranei del Fangtasia, Arlene, Holly e Nicole scoprono di conoscere uno dei vampiri che le tiene prigioniere e cercano di convincerlo a farle scappare. Intanto Pam (Kristin Bauer) continua la ricerca di Eric e, arrivata in Francia dal Marocco, finalmente ritrova il suo creatore.

True Blood: Alexander Skarsgård e Ryan Kwanten nell'episodio I Found You

Cosa ci è piaciuto

Ogni tanto gli sceneggiatori di True Blood ricordano che hanno in mano dei personaggi dal grande potenziale e scrivono per loro delle scene che rendono giustizia al loro spirito: in questo episodio è toccato a Jason essere graziato. La sua visione ad alto tasso erotico con Eric Northman è ironica e divertente e riesce nell'intento di compiacere il pubblico facendogli finalmente rivedere il suo personaggio preferito e allo stesso tempo torturarlo inducendolo a desiderare ancora di più la verità sul destino del vampiro vichingo. Inoltre sempre Jason fornisce il momento più divertente dell'episodio quando fa sfoggio delle sue doti di "esperto forense di pizza", regalando una gag squisitamente nonsense in pieno stile True Blood dei tempi d'oro. Apprezzabile inoltre la critica contro l'ossessione degli americani per le armi, incarnata dai miopi abitanti di Bon Temps pronti a imbracciare un fucile alla prima occasione, anche se non giocata di fino e piuttosto esplicita.

Cosa non ci è piaciuto

True Blood: Chris Bauer, Ryan Kwanten in un'immagine dell'episodio I Found You

Dopo le buone premesse per una stagione dalla storyline più compatta, il secondo episodio di questa stagione, I Found You, fa subito vacillare le tiepide speranze: i personaggi si muovono sì insieme, ma a rilento e parzialmente a vuoto, portando avanti la storia a fatica. Inspiegabile poi l'ostinazione nel lasciare sullo sfondo personaggi dal grande potenziale come Lafayette e Jessica (Deborah Ann Woll) in favore di figure insopportabili o irrilevanti come Lettie Mae e Willa. Lo spirito dissacrante e camp di True Blood si è talmente infiacchito con gli anni, che ormai le scene dichiaratamente kitsch ed esagerate come le visioni di Lettie Mae sembrano superflue e quasi fastidiose. Infine il gratuito rimando alla prima stagione grazie al flashback di Sookie non fa che sottolineare ancora di più la distanza ormai insormontabile tra la bellezza sovversiva della prima stagione e questa annacquata settima, facendo inoltre presagire un riavvicinamento tra Sookie e Bill di cui non si sente certo la mancanza.

Il momento shock

[ATTENZIONE SPOILER] Finalmente, dopo due interi episodi, ritroviamo il vampiro vichingo Eric Northman: Pam lo rintraccia in Francia, ma scopre presto che il suo amato creatore è affetto da epatite V.

La perla di Pam

True Blood: Kristin Bauer nell'episodio I Found You

What's next

In Louisiana la situazione sta precipitando: i vampiri affetti da epatite V stanno sterminando le piccole città e ancora non si sa se seguono le indicazioni di qualcuno o se sono organizzati per proprio conto. Delle risposte potrebbero forse arrivare dalle visioni di Lettie Mae, che vede la figlia Tara ogni volta che beve sangue di vampiro: che abbia delle importanti notizie da darle? O sono solo le visioni di una drogata? Un riavvicinamento tra Sookie e Bill sembra sempre più imminente, situazione che non farà certo piacere ad Alcide e che potrebbe complicarsi ancora di più ora che è rientrato in scena anche Eric.
Ora che anche Adilyn ha scoperto di avere dei poteri da fata le sue capacità potrebbero diventare estremamente importanti in vista di uno scontro vampiri-umani.

True Blood: commento al secondo episodio della...
Valentina Ariete
Redattore
2.5 2.5
Privacy Policy