The Night Manager: Tom Hiddleston racconta il suo direttore di notte coraggioso

La nostra chiacchierata con uno dei protagonisti della serie tratta da John Le Carré in onda su Sky Atlantic dal 20 Aprile.

The Night Manager: Tom Hiddleston racconta il suo...
The Night Manager: Tom Hiddleston seduto alla scrivania dell'hotel che dirige

Sorridente, disponibile, elegante senza perdere quell'alone di semplicità che lo contraddistingue. Tom Hiddleston è un personaggio con cui è un piacere scambiare due chiacchiere per approfondire i progetti ai quali lavora. L'occasione di questo incontro in particolare, tenutosi a Berlino in occasione della giornata dedicata alle serie dal festival tedesco, è stata la presentazione dell'ambiziosa miniserie The Night Manager, coproduzione AMC/BBC con la collaborazione di Sky; una serie in sei parti in programma su Sky Atlantic dal 20 aprile al 18 maggio.

Leggi anche: The Night Manager: Hiddleston contro Laurie nella spy story firmata Le Carrè

Ispirata al romanzo Il direttore di notte pubblicato da John Le Carré nel 1993, ma contestualizzata in fase di adattamento ai giorni nostri modificando alcune location per allinearsi al contesto socio-politico contemporaneo, la serie mette al centro del racconto una coppia di attori di tutto rispetto: Hugh Laurie e Tom Hiddleston, rispettivamente nei panni del miliardario Richard Roper, uno spietato uomo d'affari dedito al traffico d'armi, e di Jonathan Pine, ex militare britannico che si è rifatto una vita come direttore notturno d'hotel e che viene ingaggiato dai servizi segreti per incastrare Roper.

Leggi anche:

Contenuto pubblicitario

Dal photocall di The Night Manager a Berlino

The Night Manager: la prima immagine di Tom Hiddleston

Quella di The Night Manager è una produzione di alto profilo che si affida per la regia ad una Susanne Bier capace di dar spazio agli sviluppi personali dei personaggi principali, senza che questi vengano risucchiati in un intreccio complesso che li porta in diverse suggestive location in giro per il mondo. Proprio dell'intensità delle riprese, del rapporto che si è venuto a creare sul set tra i diversi membri del cast, nonché del suo personaggio e delle caratteristiche che lo rendono unico, abbiamo discusso con Hiddleston, senza rinunciare alla tentazione di chiedergli qualcosa del suo ritorno in casa Marvel per Thor: Ragnarok, ancora una volta (l'ultima?) nei panni di Loki. Pur consapevoli della risposta che avremmo ricevuto.

Dalla carta al piccolo schermo: quando le serie TV nascono dalle pagine di un libro
The Night Manager: la scena hot di Tom Hiddleston fa impazzire Twitter
Privacy Policy