The Catch: la "caccia al ladro" targata ShondaLand dal retrogusto stantio

Il celebre giovedì sera americano della ABC si arricchisce, grazie a The Catch, di una nuova presenza femminile, l'investigatrice privata Alice Vaughan, plasmata ad immagine e somiglianza delle eroine di casa ShondaLand, mostrando però ingranaggi meno oleati rispetto agli altri format creati o prodotti dalla Rhimes

The Catch: la "caccia al ladro" targata...
The Catch

2016 - .... – Thriller
4.5 4.5

Attenzione, l'articolo contiene spoiler su The Catch!

"Thank God It's Thursday" recita - scimmiottando l'acronimo TGIF (Thank God It's Friday) - il giovedì sera della ABC interamente dedicato alle serie prodotte dalla ShondaLand di proprietà di Nostra Signora del Dramma Seriale: Shonda Rhimes. E lo scorso 24 marzo ha fatto il suo debutto, prendendo il posto della seconda stagione del legal drama Le regole del delitto perfetto, conclusosi la settimana precedente, The Catch, nuova creatura prodotta dall'instancabile Rhimes insieme all'ormai fidata collaboratrice/braccio destro Betsy Beers che si aggiunge, quindi, al longevo Grey's Anatomy e alle trame politiche di Scandal. Un crime drama dalle sfumature thriller creato - partendo da un'idea della scrittrice inglese Kate Atkinson - da Jennifer Schuur (già nome noto al pubblico di Hannibal) che ha però ben presto lasciato il progetto per "divergenze creative" nelle mani di un altra firma del micro-universo del giovedì sera della ABC, Helen Gregory (Grey's Anatomy, Scandal), affiancata da Allan Heinberg.

The Catch: Pete Krause e Mireille Enos in una foto della serie

Al centro della storia una nuova eroina indipendente e realizzata professionalmente, l'investigatrice privata Alice Vaughan (Mireille Enos). Una donna forte e scaltra che condivide (nella quasi totalità dei casi) con le altre celebri figure femminili del network americano un pessimo istinto in fatto di uomini. Tralasciando l'infelice epilogo della storia d'amore tra Meredith Grey (Ellen Pompeo) e Derek "Mc Dreamy" Shepherd (Patrick Dempsey), la punta di diamante dell'esclusiva agenzia investigativa losangelina, specializzata in frodi e determinata ad incastrare Mr X, abile ladro che deruba i suoi clienti, rimane vittima proprio dei raggiri dell'affascinante fidanzato/promesso sposo, l'elegante Christopher Hall (Peter Krause), che, pochi giorni prima del matrimonio la lascia, svanendo nel nulla, portando via con sé tutti i suoi ingenti risparmi. Dopo l'iniziale shock, Alice, unendo i vari elementi del rebus, capisce che il truffatore al quale dà la caccia con il suo team è lo stesso uomo con il quale era pronta a passare il resto della sua vita. Proprio questo "trauma" scelto per aprire con The Pilot, episodio diretto da Julie Anne Robinson, la nuova serie della ABC s'inserisce con una certa prevedibilità nell'assetto narrativo al quale le produzioni ShondaLand ci hanno ormai abituato, mostrando però ingranaggi meno oleati rispetto agli altri format creati o prodotti dalla Rhimes.

Leggi anche: Grey's Anatomy: i migliori 10 momenti di Derek Shepherd

Contenuto pubblicitario

"Are you ready to play?"

The Catch: la protagonista Mireille Enos

Questo primo episodio di The Catch, scegliendo come paragone Le Regole del Delitto Perfetto, l'altra serie non creata ma esclusivamente prodotta da Shonda Rimes, non ha, rispetto al debutto del legal drama con protagonista l'agguerrita avvocatessa Annalise Keating (Viola Davis), il medesimo ritmo trascinante contraddistinto da un montaggio incalzante e twist narrativi imprevisti. The Pilot ricorre all'uso del flashback, trucchetto narrativo caro alle serie ShondaLand, per mostrarci stralci della relazione tra Alice e Christopher e tutti quegli indizi sfuggiti all'investigatrice truffata, inserendo, all'occorrenza split screen e una colonna sonora energica (come Fireball di Pitbull) per ricreare visivamente o evocare musicalmente quel ritmo che sembra invece mancare nella sceneggiatura. Si tratta, ovviamente, di considerazioni relative ad un solo, iniziale, episodio ma The Pilot rimane, senza dubbio, un esordio minore se rapportato alle altre produzioni di casa Rhimes. Immersi in un mondo scintillante, tra abiti dai tagli raffinati e case lussuose, i personaggi presentati in The Catch si allineano allo stile già sdoganato da Scandal e Le Regole Del Delitto Perfetto, ricreando un mondo idealizzato ed ovattato nel quale si muovono i vari protagonisti, giocando inoltre con inquadrature che strizzano l'occhio ad architetture contemporanee.

Leggi anche: Shonda Rhimes: "anatomia" di un successo costruito con impegno e intelligenza

The Catch: i protagonisti in una foto del pilot
The Catch: l'attrice Mireille Enos in una foto del pilot

Guardando all'episodio, però, si ha l'impressione che qualcosa manchi tra gli ingredienti che hanno reso il giovedì sera d'oltreoceano un appuntamento immancabile per un gran numero di spettatori, curiosi di scoprire l'evolversi delle intricate trame dei loro guilty pleasures preferiti. La "caccia al ladro" tra Alice e Christopher, che totalizza narrativamente l'episodio limitandosi a presentare la squadra dell'investigatrice, la socia/miglior amica Valerie Andresen (Rose Rollins) e i due collaboratori Danny Yoon (Jay Hayden) e Sophie Novak (Elvy Yost), e l'amante/complice del truffatore, Zoe (Bethany Joy Lenz), mostra già dei possibili risvolti inaspettati grazie a delle tracce seminate nel corso della puntata ma la sensazione generale è quella di assistere ad una mancanza di materiale originale che appare, invece, "adagiarsi", per quanto riguarda The Pilot, su modelli già noti allo spettatore.

Due volti noti del piccolo schermo

The Catch: la protagonista della serie Mireille Enos

Per interpretare la solare ed energica investigatrice privata Alice Vaughan, fasciata in abiti femminili arricchiti dalla folta chioma rossa che non passa inosservata la scelta si è indirizzata verso Mireille Enos, l'attrice conosciuta per un altro ruolo esteticamente e caratterialmente agli antipodi con quello della nuova eroina entrata nella famiglia Rhimes, aggiungendosi alle già note Meredith Grey, Olivia Pope (Kerry Washington) e Annalise Keating. Si tratta del Detective Sarah Linden di The Killing, la serie statunitense remake della danese Forbrydelsen, con la quale la Enos ha tratteggiato uno dei personaggi femminili più interessanti, contorti e combattuti della serialità di questi ultimi anni. Tratto in comune tra Alice e Sarah è senza dubbio la determinazione con la quale affrontano le prove chiamate a superare. Per chi ha seguito il dramma poliziesco che ha inoltre lanciato la carriera di Joel Kinnaman (House of Cards, Suicide Squad) ed è stato abituato a vedere la femminilità del Detective nascosta dietro ampi maglioni di lana e capelli perennemente raccolti, il ruolo della Vaughan è una delle poche sorprese che The Catch riserva ai suoi spettatori, mostrando le capacità interpretative dell'attrice statunitense. Altro protagonista indiscusso del primo episodio del crime drama è Peter Krauser, il papà modello di Parenthood, Adam Braverman, qui trasformato nei panni del freddo calcolatore Christopher Hall, camaleontico truffatore grazie al quale prende vita la narrazione, chiamato a sostituire il meno noto Damon Dayoub.

Leggi anche: The Killing: il crime drama visto dalla AMC

Manuela Santacatterina
Redattore
2.5 2.5
Le regole del delitto perfetto, stagione 2: si torna a “lezione di crimine” con Viola Davis
Shonda Rhimes: "anatomia" di un successo costruito con impegno e intelligenza
Privacy Policy