Mr. Robot

2015 - ....

Mr. Robot e il ritorno di Elliot: domande ed ipotesi in attesa della stagione 3

È fissato per l'11 ottobre l'esordio della terza stagione della pluripremiata serie cult firmata da Sam Esmail, con Rami Malek nel ruolo dell'hacker sociopatico Elliot Alderson. Ripartiamo dunque dai colpi di scena e dai cliffhanger del finale della stagione 2 per provare a riflettere su cosa aspettarci da Mr. Robot per il prossimo autunno.

It's coming to America first/ The cradle of the best and of the worst/ It's here they got the range and the machinery for change/ And it's here they got the spiritual thirst

Mr. Robot: Rami Malek in una foto del finale della seconda stagione

È la voce roca e inconfondibile di Leonard Cohen mentre recita i versi di una sua canzone del 1992, Democracy, ad accompagnare le primissime immagini della terza stagione di Mr. Robot. Il trailer della serie, pubblicato il 4 agosto, ci offre dunque un rapido assaggio di quanto vedremo quest'autunno, a partire dall'11 ottobre, data di programmazione della première della stagione 3 sulla rete statunitense USA Network. Una stagione, quella in procinto di andare in onda, sulla quale gli autori hanno mantenuto il massimo riserbo; per ora, sappiamo solo che consisterà di dieci episodi, tutti quanti diretti personalmente da Esmail, e che saranno esplorate "le motivazioni dei personaggi e la scissione fra Elliot e Mr. Robot".

Nel frattempo, da luglio il servizio di streaming on demand Infinity ha riproposto al pubblico italiano la seconda stagione dell'elettrizzante thriller televisivo creato, prodotto, sceneggiato e diretto (quasi per intero) da Sam Esmail e premiato con il Golden Globe come miglior serie drammatica del 2015. Una seconda stagione che, pur mantenendo fede allo spirito dell'opera, ha evitato saggiamente il possibile "effetto fotocopia" di quanto già visto, preferendo intraprendere strade nuove: sicuramente più rischiose - per esempio, la fittizia sit-com che occupa tutta la prima parte dell'episodio Guarda davanti a te - e con ritmi narrativi talvolta più dilatati, ma con una capacità ancora più stupefacente di sfruttare le potenzialità della messa in scena e di costruire un percorso drammaturgico intrigante e mai banale.

Leggi anche: Mr. Robot 2: un clamoroso colpo di scena per riscrivere la storia di Elliot

Da queste parti, insomma, non abbiamo mai nascosto l'entusiasmo per le avventure di Elliot Alderson, il giovane hacker newyorkese affetto da un disturbo di personalità multipla, e per la guerra - virtuale, ma non solo - tra la sovversiva fsociety capitanata da Mr. Robot e l'oscura multinazionale Evil Corp; una guerra alla quale, nell'arco della seconda stagione, hanno preso parte anche la misteriosa Dark Army, organizzazione pseudo-terroristica affiliata in qualche modo alla fsociety, e l'FBI. Aspettando dunque l'11 ottobre, ripartiamo da Tempo scaduto, il superbo season finale dell'anno scorso, e riprendiamo il discorso su dove ci eravamo lasciati con Mr. Robot, provando a formulare qualche ipotesi sull'imminente terzo atto della serie capolavoro di Sam Esmail (da qui in poi, naturalmente, seguiranno spoiler sulle due precedenti stagioni).

Leggi anche: Mr. Robot 2, la verità su Elliot: rivelazioni e un cliffhanger nel finale di stagione

La sorte di Elliot

Mr. Robot: Rami Malek in un'immagine del settimo episodio

Nella sequenza clou di Tempo scaduto, Elliot veniva colpito in pieno petto dal proiettile sparato da Tyrell Wellick per impedirgli di arrestare il piano della fsociety (la distruzione del palazzo contenente l'archivio cartaceo della Evil Corp). "Eravamo destinati a diventare delle divinità insieme", esclamava un rabbioso Tyrell, fra le lacrime, poco prima di premere il grilletto. E se sulla sopravvivenza del nostro protagonista non ci sono dubbi di sorta, l'interrogativo riguarda il suo ruolo all'interno della fsociety e, punto più importante, quale evoluzione hanno in serbo per lui Esmail e il team di autori. Nella prima stagione, Elliot prendeva coscienza prima della crociata in cui imbarcarsi, agendo tra le file della fsociety, e in seguito della scissione di personalità che lo portava a interagire con il Mr. Robot di Christian Slater; nella seconda stagione, il giovane hacker interpretato da Rami Malek doveva affrontare con virulenza ancora maggiore la realtà distorta che si era costruito attorno, nello strenuo tentativo di 'sconfiggere' il suo opprimente alter ego. Un alter ego che, ovviamente, non ha intenzione di abbandonarlo tanto presto... tant'è vero che, in un fotogramma del nuovo trailer, Mr. Robot e Tyrell sono fianco a fianco davanti a un computer, a testimonianza che il dottor Jekyll di Elliot dovrà inesorabilmente continuare a fare i conti con il proprio Mr. Hyde; ma forse, dalla prossima stagione, con un'ulteriore dose di consapevolezza in più.

Leggi anche: "Dimmi che lo vedi anche tu!": la Top 10 dei maggiori colpi di scena di Mr. Robot

Tyrell Wellick: alleato o nemico?

Mr. Robot: Rami Malek e Martin Wallström in una foto della serie di USA Network

Il fotogramma appena citato ci suggerisce pure che, in un modo o nell'altro, Tyrell Wellick ed Elliot dovrebbero proseguire la loro collaborazione (uno dei colpi di scena del precedente season finale) nella comune lotta contro la Evil Corp. Durante la seconda stagione, l'assenza del villain impersonato da Martin Wallström ha pesato come un macigno sulle esistenze di Elliot e di altri personaggi, così come il segreto della sua sparizione; e non a caso, nell'epilogo, l'annunciata ricomparsa di Tyrell ci ha regalato momenti di altissima tensione. Il rapporto fra Elliot e la sua nemesi, del resto, rimane assolutamente indefinibile: un rapporto animato da sospetti e timori reciproci, ma anche dall'attaccamento viscerale di Tyrell per Elliot, quasi una forma distorta di amore ("I love him", era la frase pronunciata al telefono da Tyrell, disperato per aver quasi ucciso il ragazzo). La nostra speranza è che, nella stagione a venire, Tyrell recuperi un ruolo centrale e una presenza 'concreta' all'interno della storia: anche perché, dopo quel colpo di pistola, siamo curiosissimi di sapere verso quali direzioni si spingerà la relazione fra questi due personaggi per certi versi complementari.

Leggi anche: I "cattivissimi" che amiamo odiare: la Top 10 dei migliori villain delle serie TV

Mr. Robot: un'immagine dell'undicesimo episodio

Angela, novella Jackie Brown

Mr. Robot: Portia Doubleday in una foto del season finale

Per ammissione dello stesso Sam Esmail, in un'intervista rilasciata nel settembre 2016 a The Hollywood Reporter, il vero, grande cliffhanger del finale della stagione 2 risiedeva nella scoperta della complicità di Angela Moss con Tyrell Wellick e con la Dark Army, ben oltre quanto fosse lecito immaginare fino a quel punto. Dall'innocenza, dalla spontaneità e dall'idealismo che la contraddistinguevano quando l'avevamo conosciuta, la giovane informatica con il volto di Portia Doubleday si è trasformata invece in una maestra di dissimulazione, costretta a destreggiarsi in un pericoloso doppio gioco fra la Evil Corp e l'FBI. "Adesso lei è parte di questo gruppo nel quale non ci saremmo mai aspettati di trovarla", ha sottolineato Esmail, che ha paragonato l'ambiguità di Angela a quella della Jackie Brown del film di Quentin Tarantino; "Si è spostata ancora una volta. Ma si tratta di un'alleanza con Elliot o contro Elliot, uno dei suoi più vecchi amici d'infanzia? È qualcosa che svilupperemo in maniera molto interessante nella prossima stagione". E a conferire ulteriore mistero al futuro di Angela, il trailer ci mostra una fugace immagine della ragazza (perlomeno a giudicare dalla lunga chioma bionda) con indosso una maschera della fsociety...

Leggi anche: 10 grandi serie che hanno segnato il 2016, da Westworld a Mr. Robot e The Young Pope

America oggi: un mondo impazzito

Mr. Robot: un'immagine della seconda stagione

Se nell'America del 2017 si disegnano scenari non proprio radiosi, fra tensioni istituzionali, lo scandalo del Russiagate e il rischio di un conflitto con la Corea del Nord, Sam Esmail ha dichiarato di non aver intenzione di addentrarsi "nell'incubo di Trump". Ciò nonostante, l'America dipinta nella terza stagione di Mr. Robot non si preannuncia comunque come un luogo idilliaco: già nel trailer ci troviamo di fronte a una New York militarizzata e in preda al degrado, a sequenze di guerriglia urbana e perfino a scontri con armi da fuoco all'interno della metropolitana. Se nella seconda stagione la serie ci presentava un'America subito dopo il "giorno zero", sospesa tra euforia e sgomento in seguito all'hackeraggio ai danni della Evil Corp e del sistema bancario statunitense, attualmente il mondo di Mr. Robot pare avviato verso un caos sempre più incontrollabile.

Mr. Robot: una foto di Bobby Cannavale

Ma in questo mondo incontreremo a breve gli altri personaggi centrali della serie, fra cui la grintosa agente Dom DiPierro di Grace Gummer; faremo la conoscenza del fantomatico Irving, un venditore di automobili usate che avrà il volto dell'attore Bobby Cannavale; e vedremo molto più spesso l'inafferrabile Whiterose, leader della Dark Army, nonché alter ego femminile del Ministro cinese Zhang, in virtù della 'promozione' a series regular dell'eccezionale B.D. Wong, che grazie al ruolo di Whiterose si è meritato di recente la nomination all'Emmy Award come miglior attore guest star.

Leggi anche: Mr. Robot: sette ingredienti chiave della perfetta serie TV del futuro

Mr. Robot come Star Wars: il ritorno dell'hacker?

Mr. Robot: Christian Slater e Rami Malek in eps2.0_unm4sk.tc

Le informazioni sulla terza stagione a oggi disponibili sono davvero pochissime, e a essere sinceri non ce ne dispiace affatto: gran parte del fascino di Mr. Robot, come già detto, risiede proprio nella sua imprevedibilità e nel senso di paranoia e di mistero che grava sul nostro hacker preferito. Ma a proposito della 'parabola' del personaggio di Elliot, Sam Esmail non ha mancato di fornirci qualche indizio, ammettendo di aver tratto inconsciamente ispirazione, per Mr. Robot, dalla trilogia originale di Guerre stellari: la prima stagione, infatti, era incentrata sull'eroe che scopriva se stesso e decideva di impegnarsi, al fianco della sorella e sotto la guida di un mentore, in una sorta di 'ribellione'; mentre la seconda stagione era ricalcata idealmente su L'Impero colpisce ancora, con l'isolamento iniziale di Elliot, impegnato a fronteggiare i propri demoni interiori, e il suo faccia a faccia conclusivo con una minacciosa figura paterna. "Penso che questo sia 'Il ritorno di Elliot'", ha commentato Esmail a proposito della terza stagione; "Ma non l'Elliot naïf che abbiamo visto all'inizio. È l'Elliot che ha attraversato le esperienze orrorifiche della prima e della seconda stagione, e con tutto ciò nella mente, questo darà forma al nuovo Elliot". E per quanto ci riguarda, non vediamo l'ora di conoscere il "nuovo Elliot" e, per restare in tema, di vederlo incrociare le spade con il proprio lato oscuro...

Mr. Robot: Rami Malek nella prima foto della terza stagione
Mr. Robot e il ritorno di Elliot: domande ed...
“Dimmi che lo vedi anche tu!”: la Top 10 dei maggiori colpi di scena di Mr. Robot
Mr. Robot: sette ingredienti chiave della perfetta serie TV del futuro
Privacy Policy