Manhattan: Commento all'episodio 1x09, Spooky Action at a Distance

La segreta collaborazione fra gli scienziati Frank Winter e Charlie Isaacs, che hanno scelto di allearsi per portare a termine la bomba nucleare ad implosione, è il fulcro del nono episodio di Manhattan, fra inganni, bugie, attrazioni clandestine e tentativi di ricatto.

Manhattan: Commento all'episodio 1x09, Spooky...

Il plot

Manhattan

2014 - 2015 – Drammatico
3.8 3.8

Charlie Isaacs accetta la proposta del dottor Reed Akley di assumere la guida del progetto Thin Man, ma chiede che Helen Prins venga assegnata al suo team. Helen protesta invano con Frank Winter e viene sottoposta a un nuovo test della verità; soltanto in seguito la donna realizza che questo trasferimento fa parte di un accordo segreto fra Charlie e Frank, i quali hanno deciso di collaborare l'uno con l'altro. Una parte degli scienziati di Charlie, infatti, sono impegnati a loro insaputa in una serie di calcoli fondamentali per portare a termine il progetto della bomba ad implosione. Un altro problema di Frank è procurarsi una maggiore quantità di detonatori ed esplosivi per i suoi esperimenti: a tale scopo, Frank si reca in visita ad un suo collega di nome Lazar, uno scienziato di origine russa, dal quale alla fine riesce ad ottenere un fucile.

Nel frattempo, Frank viene contattato da un uomo di nome Javier, il quale dichiara di essere un cugino della sua ex amante Paloma e minaccia di rivelare la loro relazione clandestina. Frank cede al ricatto di Javier, a causa del quale deve sacrificare la propria auto, ma benché venga messo alle strette non rivela alcun particolare sull'operato del team di fisici di Los Alamos. Intanto, Abby Winter supera l'imbarazzo e riprende a frequentare Elodie Lancefield, la quale tuttavia non nasconde la propria attrazione nei confronti della ragazza. Abby si reca ad una cena a casa di Elodie e di suo marito Tom; nel corso della serata, però, è quest'ultimo a tentare di molestare Abby, citando in maniera esplicita la propria rivalità con Charlie.

Commento all'episodio

Manhattan: una scena dell'episodio Spooky Action at a Distance

Spooky Action at a Distance, ovvero "spaventosa azione a distanza": è l'espressione con la quale Albert Einstein bollò la meccanica quantistica, della quale contrastò le teorie richiamandosi al "principio di località". Einstein, in particolare, faceva riferimento al cosiddetto entanglement quantistico, in base al quale "una misura eseguita su una parte di un sistema quantistico può propagare istantaneamente un effetto sul risultato di un'altra misura, eseguita successivamente su un'altra parte dello stesso sistema, indipendentemente dalla distanza che separa le due parti" (il paradosso di Einstein-Podolsky-Rosen). Il titolo del nono episodio di Manhattan sembra alludere in maniera metaforica ai potenziali effetti della segreta collaborazione fra i due protagonisti della serie, Frank Winter e Charlie Isaacs, ex rivali ora uniti da un comune obiettivo: mettere a punto la bomba ad implosione nucleare (senza contare che, nel corso della puntata, viene chiamato in causa direttamente lo stesso Einstein).

Contenuto pubblicitario
Manhattan: John Benjamin Hickey nell'episodio Spooky Action at a Distance

In parallelo con la "missione" degli scienziati di Los Alamos, tuttavia, la serie targata WGN America continua anche ad esplorare la vita privata degli abitanti della base scientifica, messi spesso di fronte a situazioni ambigue che li portano ad agire con doppiezza o a provare sommessi sensi di colpa: è il caso della storyline relativa ad Abby Isaacs, a disagio per la carenza di attenzioni da parte del marito e coinvolta in un sottile gioco di seduzione con la collega ed amica Elodie. Per il resto, l'episodio risulta suddiviso fra le peripezie di Frank Winter, impegnato a portare avanti le proprie ricerche, ma anche a tenersi al riparo da un possibile scandalo, ed alcuni momenti più lievi ed ironici (il team di Frank che si abbandona ai deliri provocati dall'assunzione di funghi allucinogeni).

What's next?

L'epilogo di Spooky Action at a Distance risulta la sequenza maggiormente inquietante dell'intero episodio: Liza Winter, ingaggiata come assistente dell'ostetrico dell'ospedale locale, il dottor Adelman, in realtà ha un secondo fine, correlato all'improvvisa morte delle sue api e alle inesplicabili mutazioni dei fiori che la donna si stava adoperando a studiare. I sospetti di Liza la conducono purtroppo ad un'atroce verità: la presenza di pericolose radiazioni che sono arrivate a contaminare perfino i bambini nella fasciatoia dell'ospedale.

Manhattan: Harry Lloyd nell'episodio Spooky Action at a Distance

Conclusioni

Con Spooky Action at a Distance, gli autori di Manhattan continuano a portare avanti in parallelo una pluralità di storyline e di tematiche, che tuttavia risultano correlate in maniera efficace le une alle altre ed offrono un ritratto composito ed approfondito del microcosmo narrativo della serie, i cui personaggi sono caratterizzati da un costante ricorso agli inganni e alla doppiezza.

Stefano Lo Verme
Redattore
3.5 3.5
Privacy Policy