Community

2009 - 2015

Community: il club dei perdenti al college

Il comedy show "studentesco" della NBC ha il suo punto di forza, oltre che nella prospettiva originale del 'college dei poveri', in cui misfit e nerd non sono la minoranza oppressa ma la maggioranza dominante, nella freschezza e nell'arguzia dei dialoghi.

Possiede ben poco glamour il cosiddetto community college, una tipologia d'istituto didattico che permette di accedere agli studi superiori a chi, per ragioni di profitto, burocratiche, economiche, etc., non ha potuto frequentare un "vero college", ovvero una di quelle ricche e scintillanti università  che rappresentano il trampolino di lancio verso la vita dei più fortunati tra i ragazzi americani. Così, un po' come alle università  popolari qui da noi, vi si trovano casalinghe e pensionati in cerca di nuovi stimoli, ma anche giovani adulti che rincorrono la speranza tardiva di una nuova carriera.
E' uno di questi college di "serie B" - ma anche C2 - quello di Greendale, lo scenario davvero insolito di Community, nuovo show creato da Dan Harmon che prende le mosse dal ritorno forzato dietro ai banchi di scuola di Jeff Winger, brillante avvocato che rischia altrimenti di perdere la licenza per aver mentito sulla sua laurea (illegittima perché ottenuta in Colombia, e non alla Columbia). Sarcastico, egomaniaco e sciupafemmine, Jeff mira a seguire i corsi per pura formalità , prendendo qualsiasi scorciatoia gli venga offerta, e ignorando le occasioni di contatto umano, fino a quando l'incontro con la bella Britta, bionda trentenne idealista e ben poco propensa a cedere alle sue avance, non lo precipita in un estemporaneo ma festoso gruppo di studio.

Community: Ken Jeong nell'episodio Comparative Religion
Jeff e Britta, infatti, hanno in comune il corso di spagnolo tenuto dal nevrotico Señor Chang, e si ritrovano a "studiare" la lingua di Castiglia insieme alla casalinga divorziata Shirley, all'ex promessa del football Troy, all'aspirante cineasta Abed, alla fragile diciottenne Annie e all'eccentrico e attempato Pierce - e nonostante le differenze, una serie di incidenti di percorso, e la reticenza dell'ombroso Jeff, il gruppo finirà  per diventare una calorosa famiglia e una delle clique più popolari di Greendale.

Se lo sviluppo della struttura del plot e delle dinamiche narrative e psicologiche non promettono, in fondo, molto di nuovo, il comedy show "studentesco" della NBC ha il suo punto di forza, oltre che nella prospettiva originale del 'college dei poveri', in cui misfit e nerd non sono la minoranza oppressa ma la maggioranza dominante, a cominciare dallo zelante rettore, nella brillantezza e nell'arguzia dei dialoghi attraverso i quali i personaggi, uno dopo l'altro, fanno breccia nei cuori degli spettatori.

Community: Donald Glover e Danny Pudi nell'episodio Introduction to Statistics
Così Jeff, apparentemente freddo ed egoista, si rivela affettuoso e attento agli altri; la pedante e perfettina Britta si mostra buffa, maldestra e insicura, e così via: particolarmente efficaci, tuttavia, sono i personaggi di Pierce, un Chevy Chase che intenerisce e imbarazza allo stesso tempo, e soprattutto il formidabile Abed, che Danny Pudi intepreta con una comica atonia vocale, e che ha un bizzarro approccio alla vita sociale, tanto da far pensare di essere affetto da una forma di autismo.
E' lui la voce più saggia e originale di Community, e, come per il suo amicone Troy, anche per noi sarà  difficile resistergli, e non lasciarci conquistare alle avventure di questi adorabili perdenti.

Community: il club dei perdenti al college
Privacy Policy