Berlino 2010, giorno 5: 'Panorama' sulle Americhe

Due film USA ed un brasiliano caratterizzano la giornata di Panorama, mentre il concorso focalizza l'attenzione su Europa ed oriente.

Si può dire che la nuova settimana della sezione Panorama sia iniziata all'insegna delle Americhe, con rappresentanze statunitensi, ma anche dell'America Latina.
L'apertura della giornata è stata infatti affidata al brasiliano Besouro, action che racconta del lottatore di Capoeira che dà il titolo alla pellicola prendendo il nome dal nome portoghese del coleottero, ammirato per la sua sorprendente capacità di volare. Il film di João Daniel Tikhomiroff fa leva sul sentimento d'unione del popolo brasiliano, sottolineandone l'importanza, ma delude come film d'azione perchè, seppur ben diretto, indugia troppo in situazioni oniriche e metafisiche, portando spesso le sequenze di lotta in secondo piano.

Una sequenza del film Besouro.
Father of Invention è invece una produzione indipendente USA diretta da Trent Cooper, che si avvala di un buon cast capitanato da Kevin Spacey e completato dalla giovane Camilla Belle e dalla veterana Virginia Madsen. Spacey interpreta Robert Axle, reduce da otto anni di carcere per danni causati ai consumatori dei suoi prodotti dopo essere stato il "re delle invenzioni" del titolo. Cooper racconta le sue vicissitudini, i suoi tentativi di riscostruire carriera e rapporti personali, in primo luogo quello con la figlia Claire, dirigendo bene il cast e lavorando di misura.
Dagli USA arriva anche Welcome to the Rileys che ci mostra una inedita, quanto brava, Kristen Stewart nei panni di una adolescente scappata di casa che cerca di tirare avanti facendo la spogliarellista. La ragazza finisce per intromettersi, suo malgrado, nella vita dei Riley, una famiglia in crisi a causa della morte della figlia in un incidente. Doug, questo il nome del marito della coppia interpretato da James Gandolfini, si imbatte nella ragazza durante un viaggio di lavoro e le si lega al punto da restare a New Orleans oltre il previsto per badare a lei, come se fosse la sua vera figlia. Il film è diretto da Jake Scott, il figlio del più celebre Ridley, e prodotto dal padre insieme a Tony Scott, ed è un altro dei reduci dal Sundance approdati a Berlino.

Andreas Lust nel film Der Räuber in concorso a Berlino 2010
La Competition si mantiene per due terzi in Europa, con una puntatina in Giappone per chiudere la giornata. Primo film in concorso è stato infatti The Robber, coproduzione austro-tedesca diretta da Benjamin Heisenberg che racconta la storia vera di Johann Rettenberger, maratoneta, ma anche rapinatore seriale di banche. Un film incerto tra l'essere film di genere e metafora sulla vita del protagonista sempre in fuga da tutto.
Viene invece dalla Norvegia la commedia nera A Somewhat Gentle Man di Hans Petter Moland, in cui Stellan Skarsgård interpreta Ulrik, uscito di prigione dopo dodici anni. Un film che per alcuni aspetti ricorda un po' Kaurismaki, ma devia sul tema della redenzione, e soprattutto annovera diverse trovate esileranti.
Ultimo titolo in concorso della giornata, ma non di certo in termini di qualità, Caterpillar di Koji Wakamatsu. Un film che analizza la Seconda Guerra Mondiale e le sue conseguenze e che, nel raccontare le vicende di un reduce di guerra mutilato, fa a pezzi senza compromessi il nazionalismo alla base della cultura giapponese.

Berlino 2010, giorno 5: 'Panorama' sulle Americhe
Privacy Policy