Filmografia

Filmografia di Robert Walpole


Papi Chulo


2018 – Commedia, Drammatico
Produzione (Produttore)

La strana, irresistibile amicizia tra Sean, weatherman di una stazione tv di LA, trentenne, gay, con una relazione finita alle spalle, ed Ernesto, ultrancinquantenne operaio cubano con moglie e figli, che ogni giorno va a dipingergli il terrazzo. Aperto dal crollo nervoso in diretta tv di Sean, un susseguirsi di gag linguistiche (Sean parla solo inglese, Ernesto solo spagnolo) e di acute osservazioni di carattere e d'ambiente.

Viva


2015 – Drammatico
Produzione (Produttore)

Jesus fa il truccatore per un gruppo di drag performers in Havana, ma sogna di esibirsi a sua volta. Quando finalmente arriva la sua chance di salire sul palco, uno straniero emerge dalla folla e gli da un pugno in faccia. L'uomo è Angel, suo padre, ex pugile che Jesus non vede da 15 anni.

The Canal


2014 – Horror, Giallo, Thriller
Produzione (Produttore esecutivo)
2.0 2.0

David è un archivista cinematografico. Visionando una vecchia pellicola scopre che la casa in cui vive con Alice, con cui è felicemente sposato (o almeno così crede), nel 1902 è stata teatro di un efferato delitto, rimasto insoluto. Improvvisamente scompare la moglie, della quale ha appena smascherato i tradimenti, e l’uomo diviene il principale sospettato dalla polizia. Eppure David è certo che le cause di questa sparizione siano di carattere soprannaturale e abbiano a che fare con una misteriosa presenza che abita la sua dimora…

The Stag - Se sopravvivo mi sposo


2013 – Commedia
Produzione (Produttore)
2.6 2.6

Come passano l'addio al celibato gli irlandesi? Non tra sbronze e ragazze, ma mettendosi in marcia nei boschi per ritrovare una vita naturale, tra soli maschi. È quello che capita a cinque amici molto urbani e poco sportivi, che si ritrovano però in compagnia di "The Machine", il fratello della sposa, un energumeno grande, grosso, incolto e allenatissimo.

Good Vibrations


2012 – Musicale
Produzione (Produttore esecutivo)
3.0 3.0

Autentico footage e finzione si mescolano per raccontare la vera storia di un'icona della musica nordirlandese degli anni 70: Terry Hooley. Il suo piccolo negozio di dischi diventa quasi casualmente la culla del punk in una Belfast devastata dalla guerra civile. La sua etichetta discografica è lo spiraglio di luce capace di regalare speranza in tempi bui.