Filmografia

Filmografia di Gianfranco Cabiddu


La stoffa dei sogni


2015 – Drammatico
Regia, Sceneggiatura
3.2 3.2

Una nave che trasporta una compagnia di teatranti e alcuni pericolosi camorristi naufraga sulle coste dell'Asinara, dove diviene complesso distinguere gli attori dai criminali. Un film che riflette sulla questione della necessità dell'arte nella vita dell'uomo e su temi universali quali quelli della colpa, del perdono e del riscatto.

Faber in Sardegna & L’ultimo concerto di Fabrizio De André


2015 – Musicale, Documentario
Regia, Sceneggiatura, Soggetto
3.5 3.5

Un viaggio nella Sardegna rurale accompagnato dalle canzoni del maestro Fabrizio De Andrè che aveva sempre molto amato l’isola sin dai tempi del suo misterioso rapimento.Il tutto accompagnato dalle immagini e dai suoni del suo ultimo indimenticabile concerto ripreso dal vivo al Teatro Brancaccio di Roma e disponibile ora in una versione inedita.

Disegno di sangue (FILM TV)


2006 – Poliziesco
Regia
4.0 4.0

Appena sbarcato a Cagliari da Civitavecchia, il Commissario Giacomo Curreli si trova davanti a due realtà: la diffidenza nei suoi confronti da parte dei suoi nuovi compagni di lavoro ed un omicidio che apparentemente nessuno vuole risolvere. La morte dell'anziana Signora Marcucci è infatti un caso difficile: non tanto per le modalità del delitto, ma per la parentela della vittima con il potentissimo Ingegner Crescioni. Sarà solo la tenacia di Curreli e i suoi metodi non convenzionali a farlo andare oltre le apparenze e a portarlo alla scoperta del colpevole: anche se si rivelerà per tutti la soluzione più ...

Passaggi di tempo - Il viaggio di Sonos 'e Memoria


2004 – Documentario
Regia, Sceneggiatura, Soggetto
0.0

Un gruppo di amici musicisti e uomini di spettacolo racconta di una terra meravigliosa e scomparsa...

Il figlio di Bakunin


1997 – Drammatico
Regia, Sceneggiatura
0.0

Tullio, figlio del ciabattino anarchico Bakunin, proprietario di una calzoleria in un paesino di minatori, prima minatore, poi antifascista, infine attivista del Partito Comunista, è diventato una leggenda nella Sardegna tra gli anni Quaranta e Cinquanta. A suo modo, avventuriero, amato e odiato da donne, carabinieri e crumiri delle miniere.