Dario Marianelli

Compositore
Biografia

Cenni biografici di Dario Marianelli


Dario Marianelli nasce a Pisa il 21 giugno 1963. Crescendo in una famiglia molto sensibile alla musica, decide di studiare pianoforte a Firenze. Nella sua città cerca la sua strada insegnando musica all'istituto magistrale e impartendo lezioni di pianoforte. Crea anche un piccolo studio musicale, dove muove i sui primi passi di compositore.
Nel 1990 però lascia l'Italia e si trasferisce a Londra, dove frequenta un corso postlaurea alla Guildhall School of Music and Drama, uno dei più prestigiosi conservatori britannici per attori e musicisti professionisti. Per approfondire gli studi di composizione per teatro, Tv e cinema accede, grazie a due borse di studio, prima alla Bretton University College, diretta da Judith Weir e Lloyd Newson e poi alla National Film and Television School di Beaconsfield.
Tra le sue prime musiche per lo spettacolo ci sono brani per il teatro di avanguardia e per i film irlandesi Ailsa (vincitore del primo premio al Festival di San Sebastiano nel 1994) e I Went Down (1997) entrambi di Paddy Breathnach. Lavora anche per la televisione inglese, componendo musiche per la BBC Symphony Orchestra.

L'incontro con il grande cinema avviene nel 2002 con la colonna sonora di Cose di questo mondo di Michael Winterbottom, vincitore dell'Orso d'Oro al festival di Berlino e prosegue nel 2004 con I fratelli Grimm e l'incantevole strega di Terry Gilliam. Ma è con Orgoglio e Pregiudizio (2005), diretto da Joe Wright e tratto dall'omonimo romanzo di Jane Austen, che raggiunge successo e notorietà. Con questa partitura ottiene infatti la sua prima candidatura all'Oscar.

La preziosa statuetta la guadagna però solo nel 2008, grazie alle musiche per un film diretto ancora da Wright Espiazione (2007), con il quale vince anche il Golden Globe per la migliore colonna sonora originale.
Tra le altre sue interessanti composizioni ricordiamo anche quelle per i film V per Vendetta (2005) di James McTeigue, Il colore della libertà (2006) di Bille August e Il buio nell'anima (2007) di Neil Jordan.