Antonio Ballerio

Attore
Biografia

Cenni biografici di Antonio Ballerio


Diplomato in Scenografia all'Accademia di Belle Arti di Brera all'Accademia d'Arte Drammatica diretta da Alessandro Fersen di Roma. Nel 1967, Antonio Ballerio inizia a lavorare in RAI come assistente di Pier Luigi Pizzi alle scenografie e ai costumi.

Debutta come attore e aiuto-regista nel '70 a Roma con Gli Associati, una compagnia composta da nomi prestigiosi (Giancarlo Sbragia, Virginio Puecher, Sergio Fantoni, Luigi Vannucchi, Valentina Fortunato, Ivo Garrani, Paola Mannoni ecc.), di cui è stato socio fino allo scioglimento nel '79; alcune tra le tante parti principali: Il messaggero in Edipo re di Sofocle, Saint-Just in La morte di Danton di Bruckner, Kirillov ne I Demoni da Dostoevskij.
Nell'80 è al Teatro Stabile di Roma, con Luigi Squarzina come regista. (Misura per misura di Shakespeare e Il Ventaglio di Soldoni). È interprete di un testo con musiche di Bruno Sciarrino al Teatro la Fenice di Venezia, regia di Giorgio Marini.
Nell'81 inizia la collaborazione con Franco Parenti e Andrée Ruth Shammah; moltissimi i ruoli principali; (ad es. Beraldo in Il malato immaginario di Molière). Nell'83 è con Giorgio Albertazzi nel Riccardo III, dove interpreta il ruolo di Clarence.
Dall'84 al '93 è con il Teatro La Maschera di Lugano diretto da Alberto Canetta. Come protagonista ha interpretato El nost Milan di Bertolazzi, Il processo di Kafka, regia di Canetta. Sarto per signora di Feydeau, La locandiera di Goldoni, regia di Letizia Bolzani, ecc. Come regista invece ha firmato Senza copione di G.Lagorio, Il calapranzi di H.Pinter, Scena Madre di A.Schnitzler.
Ha lavorato con i registi Gianni Mantesi, Paul Vecchiali, Franco Passatore.
Per la regia di Alberto e Gianni Buscaglia mette in scena al Teatro Verdi di Milano La festa del cavallo del poeta Antonio Porta.
Nel '94 fonda con l'attrice Silli Togni la compagnia Luganoteatro, di cui è direttore artistico; è protagonista - tra gli altri spettacoli - in Chi ha paura di Virginia Woolf di E. Albee, in Regina madre di M. Santarelli, regie di A. e G. Buscaglia e per la regia di Silvano Piccardi di L'amante di H.Pinter e in Macbeth di W.Shakespeare (Festival delle Nazioni al prestigioso Schauspielhaus di Zurigo). Firma la regia di Il diavolo e la vedova di E. Bertazzoni, di Andirivieni di B.Comment, di Il campo di G.Gambaro.
E' Carlo Cattaneo ne Le cinque giornate di Milano per la regia di Stefano Monti, spettacolo andato in scena nel marzo 1997 al Nuovo Piccolo Teatro di Milano (Teatro Strehler) allestimento organizzato dal Comune di Milano in collaborazione con Teatriditalia .
Con la compagnia Europa 2000 di Cobelli-Belli è Wallace in Domanda d'impiego di Michel Vinaver al Teatro Filodrammatici di Milano per la regia di Flavio Ambrosini.
Dopo aver interpretato Torvald in Casa di bambola di Ibsen regia di S. Piccardi, per il Teatro Sociale di Bellinzona cura l'allestimento, la riduzione dal testo di A. Schnitzler Piccola Commedia di cui è attore protagonista, e ne firma pure la regia.
Nella stagione 2000 recita con il comico Enrico Bertolino (Noblesse oblige), regia di A.R. Shammah. E - sempre con il Teatro Franco Parenti, regia di A. R. Shammah - per tre intere stagioni è Pellegrin in Sior Todero brontolon di C.Goldoni con Gianrico Tedeschi e Marianella Lazlo prima, con Eros Pagni e Ivana Monti poi.
In collaborazione con il Teatro Oscar di Milano Luganoteatro produce Inquisizione di Diego Fabbri con Piero Mazzarella come protagonista, in abbonamento nella stagione 2001 a Lugano, al Teatro Cittadella. ' Creonte nell' Antigone di Vittorio Alfieri , regia Marco Rampoldi al Teatro Libero di Milano.
Nel 2002 Luganoteatro diventa Labyrinthos ed apre la nuova stagione del Cinema teatro di Chiasso con cui coproduce Playstrindberg di F. Dürrenmatt per la regia di M.Rampoldi. Interpreta il protagonista, Edgard.