Andy Garcia

Attore, Produttore, Regista
Biografia

Cenni biografici di Andy Garcia


Andy Garcia nasce a L'Avana, a Cuba, il 12 aprile 1956, ma a cinque anni, dopo la presa del potere da parte di Fidel Castro, come molti suoi connazionali si trasferisce con la sua famiglia a Miami. Studente piuttosto popolare tra i suoi coetanei ai tempi delle superiori, e buon giocatore di basket, Andy fu costretto ad accantonare lo sport per problemi di salute, e provò a studiare recitazione all'università internazionale della Florida: una scelta, questa, che presto lo portò a Hollywood, infatti nel 1981 ottenne un piccolo ruolo nella serie TV cult Hill Street giorno e notte. Dopo altre partecipazioni in serie televisive e film di scarsa importanza, finalmente il suo ruolo in 8 milioni di modi per morire gli permette di farsi notare da Brian De Palma, che lo recluta nel cast del suo The Untouchables - Gli intoccabili, inizialmente per il ruolo del sadico Frank Nitti. Tuttavia, Andy. temendo di restare intrappolato nel ruolo del gangster, si propose per il ruolo dell'agente George Stone, riuscendo a convincere il regista.

Nel 1989, l'attore fa parte del cast del noir Black Rain - pioggia sporca di Ridley Scott, dove è un poliziotto americano in trasferta giapponese, in coppia con Michael Douglas, cui segue un altro poliziesco, Affari sporchi di Mike Figgis, accanto a Richard Gere. Nel 1990 fu scelto per il ruolo di Vincent Mancini, il nipote di Don Vito Corleone, nel terzo capitolo de Il padrino, per il quale sbaragliò un'agguerrita concorrenza di colleghi che aspiravano a lavorare con Francis Ford Coppola (tra cui Val Kilmer, Alec Baldwin, Vincent Spano, Charlie Sheen e addirittura Robert De Niro), ottenendo per la sua intensa recitazione una nomination all'Oscar come Miglior attore non protagonista.

Il ruolo nel film di Coppola lo lancia nell'olimpo delle star internazionali e Andy partecipa da protagonista (per la maggior parte in ruoli da poliziotto o da gangster) in film come Gli occhi del delitto, il successo di pubblico Eroe per caso, insieme a Dustin Hoffman e Geena Davis, il romantico Amarsi con Meg Ryan. Seguono: Cosa fare a Denver quando sei morto, il processuale Prove apparenti di Sidney Lumet, Hoodlum, dove impersona nientemeno che il boss "Lucky" Luciano, e la commedia Biglietti... d'amore con Andie MacDowell.

A rinnovare la sua popolarità nel nuovo Millennio è la fortunata serie di film di rapina Ocean's Eleven, Ocean's Twelve e Ocean's Thirteen di Steven Soderbergh, dove interpreta l'avversario del truffatore Danny Ocean (George Clooney). Dato il successo della saga, è reclutato in molti altri film polizieschi, da Confidence - La truffa perfetta a La tela dell'assassino, dall'adrenalinico Smokin' Aces al messicano La linea, dove si cala nei panni di un leggendario narcotrafficante di Tijuana.

Non mancano però le interpretazioni più complesse e ricche di sfumature: è uno psicologo in crisi del duro The Unsaid - Sotto silenzio, e incarna il geniale pittore Modigliani nel biografico I colori dell'anima, mentre esordisce alla regia con The Lost City, gangster movie ambientato nella Havana della sua infanzia. Di recente si è dedicato alla commedia, prestando la sua voce a un cane poliziotto (e non potrebbe essere altrimenti) in Beverly Hills Chihuahua e trasformandosi nell'ispettore italiano Vicenzo Brancaleone in La Pantera Rosa 2.

Sposato con Maria Victoria Lorido dal 1982, che gli ha dato quattro figli, Andy è molto geloso della sua privacy e orgoglioso delle sue origini cubane.