Filmografia

Filmografia di Serena Michelotti


Il Capitano


2005 – Drammatico, Poliziesco
2007 – Recitazione – 1 episodio
3.6 3.6

Con talento investigativo e coraggio, il "Capitano" Giulio Traversari affronta di volta in volta uno o più temi legati ai grandi traffici illeciti e alla criminalità organizzata, dal traffico d'armi e contrabbando di sigarette agli scontri per l'egemonia nel mercato della droga, dal traffico di organi umani al riciclaggio di capitali sporchi, dallo smaltimento dei rifiuti tossici ai pericolosi interessi di Cosa Nostra sull'uranio delle centrali nucleari.

Don Gnocchi - L'angelo dei bimbi (MINISERIE TV IN 2 PARTI)


2004 – Drammatico
Recitazione (Suor Amelia)
3.5 3.5

La vera storia di don Carlo Gnocchi, un sacerdote che nell'Italia del dopoguerra, dopo essere tornato dal fronte russo, riesce a costruire un'opera di carità che porta il suo nome, ed è attiva ancora oggi.

Chiedimi se sono felice


2000 – Comico
Recitazione (Caterina)
3.1 3.1

ALdo, Giovanni e Giacomo sono tre amici aspiranti attori che condividono il sogno di mettere in scena, a modo loro, il Cyrano di Ronstand.

Qui squadra mobile


1973 – Poliziesco
1973 – Recitazione (Zia Pina) – 1 episodio
3.5 3.5

Doppia Vela Ventuno alla Centrale. Non è un taxi ma il richiamo dei poliziotti italiani al loro capo Antonio Carraro. Che con paterna indulgenza e integerrima onestà coordina il lavoro di un pugno di funzionari rispettivamente a capo delle sezioni rapine, omicidi, furti, buoncostume e polizia femminile. C'è spazio e tempo, qualche volta, per dissentire dal procuratore capo e dal suo rigido sostituto.

Il segno del comando (MINISERIE TV IN 5 PARTI)


1971 – Giallo
Recitazione (La zingara)
3.5 3.5

Il professor Forster, docente di letteratura inglese a Cambridge, è alle prese con la traduzione di un diario di Lord Byron, scritto durante il soggiorno romano del 1817. Durante la traduzione, il professore viene invitato nella Capitale da un misterioso pittore che lo sfida a cercare una piazza, citata da Byron nel diario, che Forster ritiene essere un luogo non esistente, ma inventato dal poeta. Il pittore invece allega una foto della piazza alla sua missiva e riesce a provare che esiste realmente. Quando Forster viene invitato a partecipare ad un convegno a Roma, decide di recarvisi, incuriosito dalla lettera ...