Filmografia

Filmografia di Piero Faggioni


Oedipus orca


1977 – Drammatico
Recitazione
2.5 2.5

Sequestrata da una banda di malviventi, la giovane Alice viene rinchiusa da loro in un cascinale, ma riesce a sedurre il suo carceriere, Michele, che si è innamorato di lei. Quando la polizia fa irruzione nel cascinale, Alice uccide Michele, e un commissario comprensivo della situazione se ne assume la responsabilità.

La orca


1976 – Drammatico, Erotico, Poliziesco, Thriller
Recitazione (Lucio Garbi)
0.0

Una banda di sprovveduti sequestratori cattura una ricca studentessa. I delinquenti sono Gino, giocatore di biliardo a duecentomila per partita; Paolo, meccanico e contrabbandiere di sigarette nonché amante della moglie di Gino; Michele, pescatore calabrese immigrato da poche settimane nel nord. La ragazza, Alice è custodita in un casolare, guardata a vista da Michele, stordita con sedativi, ha nella borsetta una copia del romanzo "Horcynus Orca" di Stefano d'Arrigo. Lasciato solo e a stretto contatto, Michele aiuta Alice nelle necessità fisiologiche, le fa il bagno, la piega alla propria sensualità rozza e romantica. Alice sfrutta la situazione e schiavizza ...

La tecnica e il rito (FILM TV)


1972 – Drammatico, Storico
Recitazione

Attila impone il dominio sugli Unni attraverso una serie di cerimonie selvaggie e irrazionali, fino all'uccisione del fratello.

La pacifista


1970 – Drammatico
Recitazione (Piero)
0.0

Barbara è una giornalista televisiva non impegnata politicamente, ma si professa pacifista, svolge il suo lavoro in una città in fermento a causa della contestazione giovanile e la violenza degli estremisti dall'altra. Durante un servizio, la donna viene aggredita da una banda di motociclisti che le strappano di mano il registratore e le bruciano l'automobile. Ma Barbara è turbata dalla presenza di un giovane che la segue dappertutto, apparendo e scomparendo all'improvvviso.

Lettera aperta a un giornale della sera


1970 – Drammatico
Recitazione
0.0

Negli anni cinquanta le notizie sulla guerra nel Vietnam svegliano dal torpore intellettuale e dagli agi della società occidentale, un gruppo di comunisti che discutono sull'opportunità di partire come volontari. Alcuni di loro decidono di scrivere una lettera al giornale del partito per offrirsi volontari per una brigata internazionale in Vietnam. La lettera non viene pubblicata ma la settimana seguente viene ripresa da un grande rotocalco, scatenando una valanga di polemiche.