Vincent Cassel: "I doppiatori italiani sono una mafia"


Il divo si lamenta della perdita dell'accento corso nel suo ultimo film, Un momento di follia, in uscita il 24 marzo. A replicare alle accuse è però proprio la sua voce italiana.

Vincent Cassel: "I doppiatori italiani sono una...

Parole forti quelle di Vincent Cassel. La star francese, approdata in Italia per promuovere il dramma sentimentale francese Un momento di follia, in uscita il 24 marzo, si scaglia contro i doppiatori italiani dichiarando: "In Italia è complicato vedere un film in lingua originale, perché i doppiatori italiani sono una mafia".

Un momento di follia: Vincent Cassel e Lola Le Lann in una scena del film

Nel film, diretto da Jean-François Richet, Cassel interpreta Laurent, affascinante cinquantenne che si reca in vacanza in Corsica insieme alla figlia Maria, all'amico Antoine e alla figlia di quest'ultimo, Louna. Durante la vacanza balneare accade il "fattaccio": Louna seduce Laurent e poi, dopo essere stata abbandonata, confessa tutto al padre senza specificare l'identità del proprio amante.

Il dibattito sul doppiaggio sorge perché nella versione italiana si perde il forte accento corso usato dall'interprete di Antoine, François Cluzet. Al riguardo Cassel commenta: "Il doppiaggio esiste anche in Francia, ma i nostri doppiatori non hanno il potere di quelli italiani. Ci sono gli autori, che fanno il cinema, e i doppiatori, che si limitano a doppiare. Quando c'è uno sciopero dei doppiatori, il cinema non si ferma".

Leggi anche: Doppiaggio o lingua originale? Io sto con il cinema

La replica alle dichiarazioni di Vincent Cassel, la voce italiana del divo. "Posso capire che, da attore, Cassel preferirebbe che venisse usata la sua voce, ma parlare di mafia dei doppiatori mi pare fuori luogo. Non sono i doppiatori a decidere se un film verrà doppiato" ha dichiarato Pedicini ad AdnKronos. "Ho doppiato Vincent Cassel nove volte, ma non in quest'ultima pellicola. Lui non è uno di quegli attori che vengono doppiati sempre dalla stessa voce. È stato doppiato da più di dieci voci diverse finora. Il problema è uno solo: in Italia per far vedere un film al pubblico bisogna doppiarlo. Se non fosse doppiato, anche il film di Cassel verrebbe visto da molte persone in meno. Rispetto le sue parole, come ho rispettato quelle di Gabriele Muccino quando ha polemizzato coi doppiatori, ma non sono d'accordo. Non siamo una mafia e non abbiamo tutto questo potere, lo dimostra il fatto che siamo ancora in attesa del rinnovo del contratto".

Doppiaggio o lingua originale? Io sto con il Cinema
Un momento di follia: l'incontro con Vincent Cassel e il regista Jean-François Richet
Privacy Policy