Paradise: Faith

2012, Drammatico

Venezia 2012, giorno 3: 'Paradise'...'At Any Price'!

E' una giornata all'insegna della memoria con il film dedicato a Michael Jackson e il documentario 'Sfiorando il muro'. Efron, Quaid e Graham nel cast di 'At Any Price', che è in concorso con il film di Ulrich Seidl. A Francesco Rosi il Leone d'Oro alla carriera.

Anche oggi il concorso prosegue con altre due pellicole diverse tra loro: in competizione per il Leone d'Oro della 69esima Mostra del Cinema di Venezia oggi saranno presentati l'austriaco Paradise: Faith di Ulrich Seidl e l'americano At Any Price di Ramin Bahrani. Il film di Seidl è il secondo capitolo di una trilogia ideale che è iniziata a Cannes pochi mesi fa con Paradise: Love: se nel primo film, la protagonista era una sugar mama che cercava il sesso durante una vacanza in Kenya, in un paradiso del turismo sessuale, la protagonista di questa seconda storia - anche lei in vacanza - è una donna profondamente religiosa che dedica i giorni di ferie al lavoro missionario e gira di casa in casa per Vienna portando con sè una statua della Madonna e proponendosi di diffondere la parola di Dio e ricondurre l'Austria sulla via della virtù.
Un'ambizione meno spirituale e sicuramente più terrena (nel senso letterale del termine) muove il protagonista di At Any Price, un Dennis Quaid che veste i panni di un'agricoltore determinato ad espandere l'impero zooagricolo di famiglia che insiste perchè suo figlio Dean gli dia una mano a raggiungere questo obiettivo. Il giovane - che ha gli occhi azzurri di Zac Efron - sogna invece di diventare un pilota di auto da corsa, ma si ritrova ad affrontare una difficile (e improvvisa) situazione insieme a suo padre. Accanto a Quaid ed Efron - attesi oggi a Venezia - c'è anche la bionda Heather Graham, ma l'attesa delle ragazzine è tutta per Zac, tanto che molte di loro hanno già raggiunto il Lido con la speranza di riuscire a incontrare il giovane divo.

Wadjda: una scena del film
Mentre la ex-star di High School Musical sogna di sfrecciare sulle quattro ruote, la piccola protagonista di Wadjda - presentato oggi nella sezione Orizzonti - sogna invece una semplice bicicletta verde. Diretto da Haifaa Al-Mansour, Wadjda è il primo film girato interamente in Arabia Saudita e per la sua autrice rappresenta una tappa importante nella sua carriera, visto che è il suo esordio nel lungometraggio, e lo presenta in anteprima mondiale proprio a Venezia.
Altre due pellicole in cartellone oggi - ma nella sezione Fuori Concorso - sono il wuxia cinese Tai Chi 0 di Stephen Fung e Sfiorando il muro, un documentario sugli anni Settanta visto da un punto di vista particolare, quello di una bambina di allora che ricorda con turbamento le scritte politiche e le manifestazioni di allora, perchè suo padre, Graziano Giralucci, insieme a Giuseppe Mazzola, fu ucciso dalle Brigate Rosse nel 1974, all'interno della sede del MSI di Padova. Un film che per la regista Silvia Giralucci rappresenta un modo per confrontarsi con il difficile ricordo di suo padre, una figura ancora oggi discussa.

Bad 25: Michael Jackson con il regista Spike Lee sul set del video They don't care about us in una scena del documentario
La memoria è ancora al centro di un altro documentario, l'atteso Bad 25, diretto da Spike Lee e realizzato in occasione dei 25 anni dall'uscita di Bad, il settimo album di Michael Jackson, che tra l'altro il 29 agosto avrebbe compiuto 54 anni. Oltre che per presentare il suo ultimo lavoro, Spike Lee sarà a Venezia per ritirare il Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker 2012 Award, mentre al suo collega Francesco Rosi oggi sarà assegnato il Leone d'Oro alla carriera nel corso di una cerimonia che sarà preceduta dalla proiezione di uno dei suoi film più famosi, Il caso Mattei. Il regista si è detto particolarmente orgoglioso di "un riconoscimento importante per me e per la mia filmografia" perchè ha "sempre creduto nella funzione di denuncia e testimonianza esercitata dai film." "Con i miei film, che rappresentano l'Italia della mia esistenza, del mio crescere e del mio maturare come uomo" - ha proseguito Rosi in una recente intervista al quotidiano Il Sole 24 Ore - "ho chiamato il pubblico a farsi responsabile interlocutore dello schermo e non a restare spettatore passivo."

Prima di chiudere vi invitiamo a guardare la seconda puntata del nostro video-diario dal Lido, nella quale abbiamo riassunto la giornata di ieri. Buona visione! :-)

Video-diario Venezia 2012: giorno 2

Venezia 2012, giorno 3: 'Paradise'...'At Any...
Privacy Policy