USA: lo sciopero degli sceneggiatori è finito

Dopo tre mesi di sciopero, i membri del WGA - Writers Guild of America hanno votato per la fine della protesta.

Maria Vittoria Galeazzi

È ufficiale, il Writers Guild of America, West (WGAW) e il Writers Guild of America, East (WGAE) hanno votato all'unanimità a favore dell'abolizione dell'ordine restrittivo e della fine dei loro cento giorni di sciopero iniziati il 5 novembre 2007. 3775 scrittori si sono presentati a New York e Los Angeles per dare il proprio voto con un risultato del 92,5% di voti a favore della fine del blocco delle produzioni cinematografiche e televisive.

"Questo non era lo sciopero che volevamo, ma quello che dovevamo seguire per poter ottenere una legislazione e un'istituzione appropriata per lavorare nei nuovi media e su Internet. Questi miglioramenti adesso ci danno un punto d'appoggio nell'era digitale" dice Patric M. Verrone, presidente del WGAW. "Il successo di questo sciopero rappresenta una conquista non solo per noi, ma per l'intera comunità creativa, ora e in futuro" aggiunge Michael Winship, presidente del WGAE.

I membri di WGAW e WGAE dovranno poi votare per ratificare un possibile accordo di tre anni con la Alliance of Motion Picture and Television Producers (AMPTP). La ratifica sarà condotta via mail e nel prossimo incontro dei membri il 25 febbraio 2008.

USA: lo sciopero degli sceneggiatori è finito
Privacy Policy