Trump: da Schwarzenegger ai (finti) tweet di Eastwood, il sostegno delle star

Dopo la vittoria del tycoon alle elezioni presidenziali americane, molte star, da Steven Seagal a Kirstie Alley si sono schierate a suo favore. I tweet di Eastwood al centro di un giallo, subito risolto.

Cristiano Ogrisi

Donald Trump è pronto a fare dell'America di nuovo una grande repubblica, come dice il suo slogan, e molte celebrità si sono schierate a suo favore, anche se buona parte delle personalità di Hollywood ha appoggiato la Clinton.

Leggi anche:

Qualche ora dopo la conferma che l'imprenditore di New York sarebbe diventato il 45esimo Presidente degli Stati Uniti, i social media si sono riempiti anche di supporter.

Arnold Schwarzenegger, ex governatore repubblicano della California oltre che star indiscussa del cinema d'azione, ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un messaggio distensivo, dove citando Lincoln, chiede al popolo statunitense di unirsi, come vicini, come amici e soprattutto come americani.

L'attrice Kirstie Alley, da sempre simpatizzante del partito repubblicano, è stata una delle prime a mandare gli auguri a Donald Trump.

Anche Scott Baio, il Chachi Arcola di Happy Days, ha mostrato il suo orgoglio per l'elezione del tycoon:

Azealia Banks, raro esempio di rapper di colore con simpatie repubblicane, ha commentato in modo colorito, dicendo anche che sono stati mesi durissimi da sostenitrice di Trump visto che Hollywood era totalmente democratica:

Una foto pubblicata da Azealia Banks (@azealiabanks) in data: 9 Nov 2016 alle ore 01:22 PST

Stephen Baldwin, fratello di Alec, parla di un intervento divino per portare Trump alla vittoria:

Anche Stacey Dash, la Dionne Davenport della serie Ragazze a Beverly Hills, mostra il suo supporto:

Hulk Hogan, l'ex wrestler e attore, ha parlato di un vero e proprio miracolo:

Antonio Sabato Jr.., volto noto di General Hospital e Melrose Place, è sicuro che Donald Trump sarà il miglior presidente di sempre:

Steven Seagal, star dei film d'azione e da sempre repubblicano, non vede l'ora che il nuovo presidente inizi il suo programma:

Infine c'è stato un gran parlare, nei giorni passati, di Clint Eastwood e del suo account Twitter. Subito dopo l'esito delle elezioni, è comparso sul profilo @EastwoodUSA un messaggio che diceva:

"Grazie America, non mi resta molto da vivere ma ora so che gli ultimi anni saranno grandiosi, non potrò mai ringraziarti abbastanza, #PresidenteTrump"

L'account è stato sospeso dal social media, portando l'opinione pubblica a parlare di censura ai danni del regista e attore di San Francisco.
Per placare gli animi è intervenuta Morgan Eastwood, la più giovane tra le figlie, confermando che suo padre non ha un canale Twitter ufficiale:

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Trump: da Schwarzenegger ai (finti) tweet di...
Antonio Sabato Jr: "Hollywood mi boicotta perché sostengo Trump"
Ron Perlman si candida alle presidenziali americane del 2020
Privacy Policy