Ghosted

2011, Drammatico

Torino 2011: giorno 6 con Ghosted e Either Way

Anche 'A Little Closer' tra i film in concorso nella giornata di oggi. Festa Mobile mostra 'Il corpo del Duce'.

La 29esima edizione del Torino Film Festival è ormai giunta quasi alla conclusione, e lo fa con altri tre film in competizione e lacune opere delle sezioni parallele che non mancheranno di sollevare qualche discussione. L'islandese Either Way, diretto da Hafsteinn Gunnar Sigurðsson ha già sollevato qualche paragone con il primo Aki Kaurismaki e racconta lo svolgersi delle giornate di due operai della manutenzione stradale che cercano di far passare il tempo in qualche modo. Lo scenario è quello dei magnifici e isolati paesaggi dell'Islanda, negli anni '80. Il rapporto tra due personaggi principali maschili è ancora al centro del britannico Ghosted di Craig Viveiros nel quale un giovane detenuto finisce sotto l'ala protettrice di un carcerato modello in piena crisi esistenziale. Un rapporto che inevitabilmente si scontrerà con la difficile realtà della vita tra le sbarre.
Alle due proposte europee, gli States rispondono con A Little Closer, esordio alla regia di Matthew Petock che invece è ambientato a Richmond, in Virginia e mette a confronto le solitudini dei personaggi principali: una madre single che cerca l'anima gemella nelle sale da ballo locali e i suoi figli adolescenti, alle prese con i primi turbamenti sessuali.

Il corpo del duce: una scena tratta dal documentario di Fabrizio Laurenti
Tra i titoli di punta della sezione Festa Mobile, spiccano invece il thriller retrò Dernière Séance di Laurent Achard, in cui un ragazzo timido e introverso che lavora come proiezionista in un piccolo cinema si oppone alla decisione del suo datore di lavoro, intenzionato a chiudere la sala. Il motivo è che il giovane proiezionista nasconde dei segreti... Il film è stato descritto come un omaggio ai thriller classici come L'occhio che uccide e Psycho di Alfred Hitchcock.
Si cambia genere con Fabrizio Laurenti, anche se il suo documentario Il corpo del Duce promette di essere altrettanto sinistro (e d'altronde Laurenti ha dimestichezza con il macabro, avendo già diretto horror e gialli televisivi). Il film ricostruisce il culto (anche fisico) di Benito Mussolini e le vicissitudini della sua salma nell'immediato dopoguerra attraverso rari filmati e immagini d'archivio.

Torino 2011: giorno 6 con Ghosted e Either Way
Privacy Policy