The Walking Dead 6: Melissa McBride su Carol e "Nella stessa barca"

L'interprete di Carol ha rivelato qualche dettaglio di quanto accaduto al suo personaggio nel tredicesimo episodio della sesta stagione

L'attrice Melissa McBride ha commentato in un'intervista con Variety la puntata di The Walking Dead intitolato Nella stessa barca.
Attenzione! Contiene anticipazioni sull'episodio!

Leggi anche: The Walking Dead, il nostro commento all'episodio 6x13 nella stessa barca

Ecco le dichiarazioni dell'interprete di Carol.

  • Il suo personaggio, all'inizio della puntata, ha scelto deliberatamente di non uccidere Donnie ma di ferirlo solo a un braccio. Carol, infatti, sta lottando per capire quale sia la cosa giusta da fare. Per questo motivo ha atteso a lungo per capire come comportarsi con Paula, mentre in passato avrebbe agito immediatamente per trovare modo di eliminare la minaccia.

  • Carol ha trattenuto molto a lungo la sua sofferenza e i dubbi, per evitare di non dover pensare a quello che doveva fare. Nel momento in cui arriva ad Alexandria, tuttavia, ha il tempo per riflettere su se stessa e sul mondo.

  • La crisi di panico mostrata nella puntata potrebbe avere una percentuale di verità anche se mente a Paula quando dice che la fede l'ha aiutata dopo la morte di sua figlia perché è invece il momento in cui ha smesso di credere.

  • Carol vede in Paula quasi un riflesso di se stessa, come accaduto con altri personaggi, tra cui Chelle e Maggie e Donnie e Molly; tutti i personaggi cercavano di sopravvivere fino al giorno successivo. La differenza tra Carol e Paula, tuttavia, è che la seconda ha smesso di contare le persone che ha ucciso, di provare qualcosa e di preoccuparsene. Per questo motivo Carol spera di avere modo di farla fuggire ma alla fine si rende conto che Rick ha ragione quando sostiene che tornano sempre.

  • Melissa è stata felice di avere finalmente una scena con Norman Reedus perché Carol e Daryl hanno vissuti molti momenti difficili insieme e per il suo personaggio è difficile provare ad avere ad Alexandria l'immagine quasi da casalinga quando lui la guarda perché la conosce profondamente.

  • Maggie dice a Glenn che non ce la fa più a trovarsi in quella situazione e Melissa ha sottolineato che si tratta del conflitto che tutti i personaggi vivono perché devono capire come agire. Alle volte, infatti, si deve agire per il bene comune anche se non si vorrebbe.

  • Carol non potrebbe mai rimanere sempre tra le mura sicura di Alexandria perché, secondo la sua interprete, impazzirebbe e in realtà è una combattente e vorrebbe aiutare.

  • Carol, quando Rick spara a Primo, si rende conto che Chelle aveva ragione quando ha detto a Maggie che non erano delle brave persone, soprattutto dopo aver bruciato vive due persone. Sentire Primo ripetere "Siamo tutti Negan", inoltre, la fa riflettere su chi stanno affrontando e su quello che sono diventati.

Leggi anche:

The Walking Dead 6: Melissa McBride su Carol e...
Amazon, attenzione alla clausola "zombie" nei termini di servizio!
The Walking Dead 6, un tesissimo episodio al femminile conferma che non ci sono più "buoni"
Privacy Policy