Suspiria

1977, Horror

Suspiria: Luca Guadagnino dirige il remake, ma Argento lo boccia

"Non credo che un regista sia contento di vedere i propri film come remake" - ha detto il regista di Profondo Rosso, commentando la notizia diffusa a Venezia dall'autore di A Bigger Splash.

Non sarà più David Gordon Green a dirigere il remake di Suspiria, ma Luca Guadagnino che per il cinema di Dario Argento ha sempre avuto una grande fascinazione. Lo ha confermato il regista di A Bigger Splash a Venezia, anticipando che la sua versione di Suspiria sarà ambientata a Berlino nel 1977, e che sarà data particolare importanza allo scenario storico e culturale dell'epoca, mentre il gore sarà messo in disparte.

Sebbene il film di Argento avesse delle scene particolarmente forti - una su tutte quella dell'omicidio di Pat Hingle, la ragazza che fugge dal collegio la stessa sera in cui arriva la protagonista - è un film che punta molto sulla componente visiva e sulla suggestione, così come sulla colonna sonora.

"Credo che Dario Argento sia uno dei registi più soft della storia del cinema" - ha detto Guadagnino - "è un autore delicatissimo, quasi fanciullesco. Ero affascinato dai suoi film quando avevo dieci anni e ne sono stato ossessionato negli anni a venire"

Il regista più soft della storia del cinema però, non ricambia con la stessa devozione: "Non sapevo che l'avrebbe fatto lui" - ha detto Argento durante un'intervista radiofonica - "Non credo che ad un regista faccia piacere vedere i propri film come remake. Rifare un film cosa vuol dire? Non vuol dire nulla, è solo un'operazione commerciale"

Le riprese di Suspiria inizieranno il prossimo inverno e per il momento non vi sono conferme sul cast, che sarà annunciato a breve.

Suspiria - la Regina Nera, Elena Markos
Suspiria: Jessica Harper sotto la pioggia scrosciante
Suspiria: Jessica Harper è Susy, una studentessa americana
Jessica Harper e Stefania Casini in una scena del film Suspiria ( 1977 )
Suspiria: Luca Guadagnino dirige il remake, ma...
A Bigger Splash: un melodramma postmoderno a tempo di rock
Dario Argento: da Profondo Rosso a Opera, dieci scene per dieci film da incubo
Privacy Policy