Stephen King ritira i diritti sulle sue opere, da Creepshow a La Zona Morta

A partire dal 1 settembre 2018, per portare sul mercato remake o sequel o reboot di diversi romanzi del maestro del brivido bisognerà prima passare sotto un nuovo accordo con lo scrittore.

A pochi giorni dall'arrivo nei cinema statunitensi di It di Andres Muschietti, Stephen King ha preso alcuni provvedimenti riguardo alcuni dei suoi lavori più famosi. Il maestro del brivido ha, infatti, deciso di revocare l'utilizzo dei diritti dei romanzi da cui sono stati tratti La zona morta, Cujo, Creepshow, Grano rosso sangue, L'occhio del gatto e Fenomeni paranormali incontrollabili. La data che renderà ufficiale il provvedimento è il 1 settembre 2018. Coloro che avevano i diritti potranno continuare a distribuire e utilizzare i titoli ma non potranno creare nuovo materiale, come sequel e remake, da distribuire in America, per il quale eventualmente dovranno stringere un nuovo accordo con Stephen King in persona.

Leggi anche:

Uno dei pochi titoli ancora non selezionati da nessuno studio per un adattamento cinematografico è Charlie the Choo-Choo, il libro per bambini scritto da King sotto lo pseudonimo di Beryl Evans, personaggio che compare in Terre desolate, terzo libro della saga de La torre nera. Charlie the Choo-Choo segue le avventure di Engineer Bob, che ha un segreto: il suo trenino elettrico, Charlie the Choo-Choo, è vivo ed è il suo migliore amico. Charlie the Choo-Choo è una storia di amicizia, lealtà e duro lavoro.

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Stephen King ritira i diritti sulle sue opere, da...
It: ecco le prime reazioni della critica USA al film tratto da Stephen King!
Stephen King "bloccato" da Trump su Twitter: "Mi uccido"
Privacy Policy