Star Wars: Il risveglio della forza

2015, Fantascienza

Star Wars: facciamo il punto sui prossimi episodi e spinoff

Cosa sappiamo dei due futuri capitoli della nuova trilogia e delle tre pellicole antologiche programmate da Disney e Lucasfilm? Ecco il punto sulla situazione.

Star Wars: Il risveglio della forza prosegue la sua marcia trionfale mietendo incassi in ogni parte del mondo e stimola la curiosità dei fan che bramano di sapere cosa li attende in futuro. Come proseguiranno le avventure di Rey, Finn, Poe Dameron, Kylo Ren e del Generale Leia? Cosa ci attende nelle misteriose pellicole standalone, nei prequel e in tutto ciò che la Disney vorrà propinarci negli anni a venire? Abbiamo cercato di fare ordine, tra certezze e rumor, sul futuro del franchise raccogliendo le notizie disponibili sui prossimi cinque film in arrivo.

A seguire, abbiamo elencato prima i due restanti episodi della trilogia annunciati da tempo e successivamente, gli spinoff che si alterneranno agli episodi e renderanno l'attesa per gli stessi meno spasmodica.

Leggi anche:

Star Wars: Il Risveglio della Forza - Carrie Fisher e Harrison Ford interpretano Leia e Han

Star Wars: Episode VIII

Uscita: 26 maggio 2017

Al momento la release americana e quella italiana del nuovo episodio della saga di Star Wars coincidono. Il film dovrebbe uscire con due giorni di anticipo in Francia e Olanda, ma con l'approssimarsi della data di uscita, le strategie di marketing Disney potrebbero cambiare.

A dirigere il nuovo capitolo della saga non sarà più J.J. Abrams, che rimane legato al progetto in veste di produttore, bensì Rian Johnson, autore di Brick - Dose Mortale e Looper. Le riprese prenderanno il via a gennaio, come ha confermato la Presidente di Lucasfilm Kathleen Kennedy: "Inizieremo a girare l'episodio VIII a gennaio. Stiamo preparando il film da un anno e Rian Johnson sta facendo un lavoro incredibile."

Le domande a cui dovrà essere data risposta nel capitolo VIII riguardano sostanzialmente l'identità dei due nuovi protagonisti. Dopo aver appreso sufficienti informazioni su Kylo Ren, adesso dobbiamo scoprire chi è realmente Rey (Daisy Ridley) e se ha qualche legame di parentela con gli Skywalker, ma anche chi è Finn (John Boyega).

Altra domanda topica: chi farà ritorno nel nuovo capitolo e a chi dovremo dire addio al cinema in questi giorni? La logica suggerirebbe l'assenza definitiva di Harrison Ford, visto che abbiamo visto con i nostri occhi Han Solo morire per mano di Kylo Ren. Eppure alla premiere Kathleen Kennedy ha affermato che nel capitolo VIII "arriveranno un sacco di nuovi membri del cast, ma ci saranno anche tutti coloro che vedete qui con me stasera".

Per il momento l'unica conferma, tra i nuovi volti a cui la Kennedy ha fatto riferimento, è Benicio Del Toro che si vocifera sarà un nuovo villain. Ovviamente questa informazione attende conferme, ma vista la segretezza che circonda la saga, per averne la certezza dovremo attendere ancora a lungo.

Leggi anche:

Star Wars: Episode IX

Uscita: 2019

Molto più nebulosa la situazione del capitolo conclusivo della nuova trilogia, la terza. A firmare la sceneggiatura sarà di nuovo Rian Johnson, ma la regia del film è stata affidata al regista di Jurassic World Colin Trevorrow, il quale, dimostrando notevole modestia, ha postato su Twitter la foto di un'agenda nera con sopra il logo di Lucasfilm, accompagnandola con la scritta "Di nuovo a scuola".

Riguardo allo sviluppo del film, ancora privo di una release precisa, Trevorrow ha dichiarato: "Ovviamente non posso dire molto su Star Wars, ma l'idea di questo universo, questo mondo che sopravvive con noi dal tempo del primo film e coinvolge persone e creazioni umane, questo è un vero universo. Ogni tipo di storia che è possibile immaginare può essere raccontata nell'universo di Star Wars perché questo è infinito."

Leggi anche: Star Wars: Episode IX - Colin Trevorrow al lavoro sul film

Gli spin-off: Star Wars Anthology

Rogue One: A Star Wars Story

Release: 15 dicembre 2016 (Italia), 16 dicembre 2016 (USA)

Rogue One è la prima delle pellicole stand-alone programmate da Disney per ampliare l'universo di Star Wars con prequel, sequel e spinoff dedicati ad alcuni dei personaggi più iconici. Il film è stato affidato alle mani sapienti dell'inglese Gareth Edwards, autore del monster movie indie Monsters e del reboot di Godzilla.

La trama di Rogue One, descritto come un heist movie, ruota attorno a una banda di Ribelli dell'Alleanza che rubano i piani per la Death Star, gli stessi affidati a R2-D2 in Guerre stellari. La storia si colloca temporalmente tra Star Wars ep. III - La vendetta dei Sith e Guerre stellari. Come in Star Wars: il risveglio della forza, il ruolo centrale del film andrà a una protagonista femminile, inglese come nel caso di Daisy Ridley. Si tratta di Felicity Jones che troneggia al centro dell'unica foto ufficiale pubblicata finora.

Con lei Diego Luna, Ben Mendelsohn, Donnie Yen, Jiang Wen, Forest Whitaker, Alan Tudyk, che interpreta un personaggio realizzato in performance-capture, Riz Ahmed e Mads Mikkelsen. La presenza di Mikkelsen lascerebbe pensare che sarà lui a vestire i panni del villain di turno, ma in realtà l'attore, nel corso di un q&a con i fan, si sarebbe lasciato sfuggire il nome del suo personaggio, Galen, che nel canone è un Sith potentissimo che aiuta i Ribelli. Sarà così anche nel film?

Oltre agli Elstree Studios, dove sono stati girati i precedenti capitoli del franchise, alcune scene di Rogue One saranno girate a Cardington, in Bedfordshire, base militare famosa nella Seconda Guerra Mondiale perché possiede hangar grandi quanto due campi da football.

Oltre al cast tradizionale, per avere maggiore autenticità Gareth Edwards avrebbe ingaggiato 40 soldati inglesi, in servizio o in pensione, di età compresa tra i 25 e i 55 anni, per usarli come comparse. I soldati della RAF e Royal Navy includono anche un'unità di Apache Helicopter. Uno di loro avrebbe riferito: "Quando il nostro comandante ci ha chiesto se volevamo fare le comparse in un film, nessuno ha alzato la mano per offrirsi volontario. Pensavamo a una fregatura. Ci è voluta una giornata per convincerci che stavano davvero cercando dei soldati per una pellicola."

Rogue One sarà ambientato prima degli eventi mostrati in Guerre stellari, perciò con molta probabilità non vedremo Jedi, visto che in quest'epoca sono quasi estinti. Gareth Edwards ha spiegato che "il film è ambientato in un'epoca in cui non ci sono Jedi. Dio non sta venendo a salvare gli uomini. Siamo soli e dobbiamo cavarcela con le nostre sole forze. L'assenza dei Jedi è onnipresente, pesa su tutto il film che si incentra su un gruppo di uomini privi di poteri magici, ma che sanno di dover ridare speranza alla galassia."

Si vocifera che Darth Vader comparirà nel film in un cameo, ma non sarà il villain principale. Confermato, invece, il ritorno di Grand Moff Tarkin, che morirà nella distruzione della Death Star in Guerre stellari. La presenza di Peter Cushing, scomparso nel 1994, verrà ricreata in digitale con gran fatica del team di post-produzione soprattutto per ricostruirgli la parte bassa delle gambe. Cushing, all'epoca, aveva infatti rifiutato di indossare gli stivali imperiali preferendo un paio di comode ciabatte con cui si aggirava sul set. Questa è la ragione per cui esistono shot dell'attore inquadrato solo fino alla vita.

Il cambiamento principale rispetto alla tradizione della galassia lontana lontana riguarda le musiche del film che non saranno composte dal mitico John Williams, ormai sinonimo di Star Wars, bensì dal francese Alexandre Desplat, che ha già collaborato con Gareth Edward in Godzilla.

Star Wars Anthology: Rogue One - Riz Ahmed, Diego Luna, Felicity Jones, Jiang Wen e Donnie Yen nella prima foto ufficiale

Leggi anche:

Untitled Han Solo Star Wars Anthology Film

Release: 25 maggio 2018

Il primo degli spinoff 'ad personam' sarà dedicato al giovane Han Solo. Chi prenderà il posto di Harrison Ford ancora non lo sappiamo, ma i registi Chris Miller e Phil Lord stanno sottoponendo a provino buona parte degli attori giovani della galassia.

Per raccontare la storia del giovane avventuriero, Lord e Miller utilizzeranno la sceneggiatura firmata dal veterano Lawrence Kasdan - che dopo questo progetto dirà addio al franchise - col figlio Jon Kasdan.

La presenza dei registi di Piovono polpette e 21 Jump Street dietro la macchina da presa potrebbe imprimere nello spinoff una svolta comica inedita per lo Star Wars franchise. Almeno questo è ciò che suggerisce Kasdan: "Questi ragazzi sono dei geni alla loro maniera, con The Lego Movie hanno fatto qualcosa che nessuno aveva mai visto prima. Credo che il film su Han Solo sarà diverso dagli altri, e non ho ancora idea di cosa diventerà. Siamo ancora molto lontani dalle riprese."

Leggi anche:

Untitled Boba Fett Star Wars Anthology Film

Release: 2020

Il secondo film standalone programmato da Disney sarà incentrato su Boba Fett, cacciatore di taglie e personaggio di culto della saga. Sul progetto sappiamo molto poco, se non che è al centro di un mistero ancora in parte irrisolto.

Lo scorso giugno Disney ha annunciato l'ingaggio del regista di Chronicle Josh Trank per affidargli uno degli spinoff. Ad aprile, però, Trank ha saltato la partecipazione alla Star Wars Celebration lamentando un'influenza. Poco tempo dopo, Disney lo ha protestato sciogliendo il vincolo contrattuale. Le ragioni, si vocifera, sono legate al comportamento insicuro e problematico tenuto da Trank sul set di Fantastic 4 - I Fantastici Quattro. La verità non la sapremo mai, visto che il regista ha affermato di aver deciso di lui di lasciare il lavoro perché stanco di essere ingabbiano in franchise.

Sta di fatto che lo spinoff, per adesso, è ancora privo di regista e la release è slittata al 2020. Kathleen kennedy ha minimizzato il problema affermando che "è ancora una delle storie che vogliamo raccontare. C'è molta tecnologia innovativa nel modo in cui vogliamo raccontare questa storia perciò, per una serie di ragioni, abbiamo preferito posticiparla. Ma la stiamo ancora sviluppando. Stiamo cercando di arrivare a un punto in cui non avremo bisogno di affrettarci per fare niente."

La Presidente di Lucasfilm adduce motivi legati alla tecnologia. Ironia della sorte, si vocifera che nel corso della Star Wars Celebration che ha disertato, Josh Trank avrebbe dovuto presentare una teaser reel preparata appositamente per il film su Boba Fett. Ovviamente ciò non è mai accaduto. Chissà che un giorno quel materiale non divenga in qualche modo pubblico.

Leggi anche: Star Wars: Michael B. Jordan sarà Boba Fett nello spin-off?

Star Wars: facciamo il punto sui prossimi episodi...
"Mamma, mi si è Risvegliata la Forza": racconto semiserio di un redattore che non conosce(va) Star Wars
Star Wars: Il risveglio della Forza, 10 domande senza risposta
Privacy Policy