Star Wars Anthology: Josh Trank spiega perché ha rinunciato alla regia

Il regista vuole dedicarsi a progetti meno al centro dell'attenzione mediatica, e intanto è in arrivo un nuovo videogioco ambientato nel mondo di Star Wars.

Una foto di Josh Trank

Josh Trank ha commentato in una nuova intervista rilasciata al Los Angeles Times il motivo per cui ha rinunciato alla regia del secondo film antologico di Star Wars.
Il filmmaker ha spiegato di essere consapevole del fatto che la notizia avrebbe suscitato commenti, domande e scetticismo: "E' stata la decisione più difficile che io abbia mai preso nella mia vita... Voglio fare qualcosa di originale dopo questo, perché ho vissuto sotto l'attenzione pubblica, come avete visto, per gli ultimi quattro anni e non è salutare per me in questa fase della mia vita. Voglio realizzare qualcosa che passi inosservato".

Trank ha affermato di non aver avuto alcun problemi con la Lucasfilm o con i responsabili della produzione: "Hanno tutti capito perché questa esperienza è stata per me psicologicamente dura... Alle volte mi sembrava di vivere in un copione di Paddy Chayefsky o qualcosa di simile", concludendo quindi esprimendo la propria convinzione di essere stato frainteso e giudicato spesso in modo sbagliato durante questo periodo in cui si è occupato di Fantastic 4 - I Fantastici Quattro.

In attesa di scoprire il nome del regista che si occuperà del progetto, la Lucasfilm e la Walt Disney Company hanno intanto annunciato che verrà presto messo in vendita un gioco di ruolo in versione mobile, realizzato da Kabam, le cui avventure saranno ambientate dopo Il ritorno dello Jedi e prima di Star Wars: Episode VIII.

Star Wars: Uprising permetterà di scoprire cosa accaduto nell'universo stellare dopo la sconfitta di Darth Vader e dell'imperatore Palpatine e chi si pre-registrerà online potrà avere delle opportunità e delle ricompense di gioco esclusive.
Sarà quindi possibile creare il proprio personaggio personalizzato, intraprendere missioni, affrontare battaglie e ideare le proprie armi, sviluppando anche le proprie abilità.

Star Wars Anthology: Josh Trank spiega perché ha...
Star Wars: Boba Fett e Han Solo al centro del secondo film antologico
Star Wars: Roger Christian trasforma il corto Black Angel in un film
Privacy Policy