Sesso sul set? Isabella Ferrari smentisce tutto

Tramite i suoi avvocati, la fascinosa interprete di 'Caos Calmo' ha smentito le sue dichiarazioni secondo le quali aveva fatto davvero sesso con Nanni Moretti sul set del film di Antonello Grimaldi.

Nei giorni scorsi una dichiarazione di Isabella Ferrari relativa al'esperienza vissuta sul set di Caos Calmo, aveva fatto il giro dei media e molti avevano riportato una frase attribuita alla bella attrice italiana secondo la quale la scena di sesso tra lei e Nanni Moretti, nel film di Antonello Grimaldi fosse vera. "Io non sono per quel tipo di cinema, se qualcosa deve succedere è giusto che succeda" - si leggeva nel virgolettato, che proseguiva con una rivelazione scioccante quanto improbabile - "Se fingi si sente e Nanni questo non l'avrebbe permesso. Ho avuto paura di restare incastrata come capitò a Maria Schneider in Ultimo tango a Parigi".

L'attrice si è affrettata a smentire la dichiarazione che è girata sui principali media nazionali tramite un comunicato stampa che è stato diffuso dai suoi avvocati: "Con riferimento all'articolo-intervista a Isabella Ferrari, pubblicato sull'ultimo numero del settimanale Gioia, gli avvocati Guendalina Ponti e Lorenzo De Sanctis, a nome e per conto della loro assistita, specificano che la dichiarazione riportata in virgolettato nel sottotitolo "Io e Nanni l'abbiamo fatto davvero..." è falsa ed è stata strumentalmente utilizzata travisando le effettive dichiarazioni dell'attrice. Queste si riferivano infatti a valutazioni prettamente artistiche sull'interpretazione scenica dei ruoli e mai intendevano quanto riportato dal giornale. Questa condotta costituisce gravissima violazione del diritto all'onore, alla reputazione nonché all'identità personale e professionale dell'attrice. Il pregiudizio è inoltre aggravato dal fatto che tutti i principali organi di informazione hanno riportato la notizia nell'interpretazione del tutto illecita fornita dal giornale Gioia e qui contestata."

Sesso sul set? Isabella Ferrari smentisce tutto

Fonte: comunicato stampa

Privacy Policy