Sciopero sceneggiatori: le parti torneranno a trattare

E' fissato per il 26 Novembre un nuovo incontro tra i rappresentati sindacali degli sceneggiatori e quelli dei produttori televisivi.

La WGA West e la WGA East hanno rilasciato un comunicato speciale informando il pubblico che i leader di entrambi i sindacati e i sei rappresentanti della AMPTP (Alliance of Motion Picture and Television Producers) hanno deciso di comune accordo di ritornare al tavolo delle trattative il 26 Novembre.

Gli scioperanti hanno espresso la loro fiducia e speranza in seguito a questa notizia, tuttavia non è prevista un'interruzione dello sciopero, anzi una nuova campagna sta prendendo forma grazie al contributo dei fan: ricordando le varie iniziative per "salvare" gli show a rischio di chiusura (bottigline di tabasco per Roswell, noccioline per Jericho), i fan hanno suggerito
di inviare pacchi di matite ai CEO (Chief Executive Officer) dei sei colossi che controllano le corporazioni.
Per rendere l'azione più efficace, i sindacalisti si sono accordati con un grossista, in modo da "seppellire" letteralmente i CEO con il simbolo della loro battaglia. Preoccupati di creare un danno ambientale, i leader dello sciopero si sono assicurati che il grossista vendesse prodotti confezionati con materiale riciclato e hanno suggerito ai CEO di donare le matite alla pubblica istruzione.

I ricavati dalla vendita delle matite (un dollaro per un pacco da dodici) andranno al Fondo Solidarietà del Sindacato che metterà i proventi a disposizione delle persone colpite dallo sciopero che non fanno parte della WGA.

Sciopero sceneggiatori: le parti torneranno a...
Privacy Policy