Sanremo 2010: vince Valerio Scanu

Pupo ed Emanuele Filiberto finalisti con Mengoni e Scanu. Pubblico e orchestra in aperto dissenso col televoto, piovono spartiti sul palco in segno di protesta. Tra gli ospiti Mary J.Blige, i ballerini di Michael Jackson e Lorella Cuccarini. Premio della critica a Malika Ayane.

Pochi preamboli per l'ultima serata del Festival di Sanremo, che si è conclusa con la vittoria di Valerio Scanu: la gara entra immediatamente nel vivo con le performance di Scanu, Marco Mengoni, Noemi, Povia, Malika Ayane e Irene Grandi. Prima delle performance di queste ultime inoltre, sul palco dell'Ariston si accendono le luci per l'omaggio a Michael Jackson, già annunciato da tempo. Il coreografo Travis Payne ed i ballerini Nicholas Bass e Daniel Celebre, facenti parte del corpo di ballo ufficiale di Michael Jackson's This is It, l'ultimo show del Re del Pop che non è mai andato in scena, si sono esibiti con una coreografia dedicata al cantante scomparso in circostanze mai chiarite la scorsa estate.

Sanremo 2010, serata finale: Emanuele Filiberto di Savoia con Pupo
Dopo qualche domanda ai tre ballerini, la gara prosegue come da copione: vengono annunciati Pupo ed Emanuele Filiberto di Savoia, e arrivano immancabili i fischi che hanno accompagnato le esibizioni di Italia amore mio anche le altre sere. Alla fine della performance, la Clerici prova a chiedere sfacciatamente cosa si prova a ricevere così tanti fischi, e mentre Pupo si dice meravigliato dalla reazione del pubblico, l'erede dei Savoia ostenta sicurezza e risponde che una contestazione così forte gli dà "il coraggio di andare avanti, perchè questa canzone è un bel segno per gli italiani, anche quelli che fischiano."

Sanremo 2010, ultima serata: Lorella Cuccarini.
Fortunatamente si passa ad annunciare la canzone di Irene Fornaciari e I Nomadi, che durante questa edizione del Festival è stata accolta particolarmente bene, e poi tocca a Lorella Cuccarini, che presenta il suo ultimo spettacolo proprio all'Ariston. Si è parlato a lungo della performance della Lorella nazionale, soprattutto per il fatto che la showgirl si sarebbe esibita nuda. In realtà, l'Ariston ha già avuto il suo momento hot con Dita Von Teese, e la Cuccarini è ampiamente coperta da una chitarra bianca. Splendida la coreografia studiata da Luca Tommassini per l'occasione, un gioco di ombre e colori che interagiscono con Lorella e si trasformano di volta in volta in stormi di uccelli, cerchi concentrici, spari di colore, e in un invisibile corpo di ballo.

Tocca a Cristicchi, che dopo qualche battuta su Carla Bruni - che dà vita ad alcune strofe del suo brano - si prende qualche secondo di tempo per ricordare Alda Merini, recentemente scomparsa, e poi ad Arisa, ancora una volta accompagnata dalle Sorelle Marinetti. A questo punto i giochi sono fatti: resta da decidere i tre brani finalisti, e poi il podio.
In attesa del primo verdetto, la Clerici si avvicina al pubblico, che stasera è affollato di colleghi ansiosi di complimentarsi con lei (e di promuovere i loro imminenti progetti): c'è Milly Carlucci, che sabato prossimo tornerà con Ballando con le Stelle, poi Bianca Guaccero, protagonista di Capri 3, Pino Insegno e altri ancora. Fioccano i doverosi ringraziamenti alla "squadra" di Sanremo, che ha lavorato a questa edizione di successo e che riempie il palco dell'Ariston.
Due parole sulla conduzione della Clerici, che si è rivelata vincente e adatta ad una manifestazione popolare come Sanremo. La Clerici non ha la battuta pronta come Bonolis, ma riesce a non prendersi eccessivamente sul serio pur lavorando in maniera professionale. L'unica pecca - ma questo vale per tutti coloro che hanno condotto Sanremo - è il modo in cui ha condotto le interviste alle star internazionali, puntando su domande a volte imbarazzanti, a volte troppo semplici.

Sanremo 2010, Antonella Clerici con la busta dei tre finalisti
Ancora musica, sul palco dell'Ariston con i piccoli protagonisti di Ti lascio una canzone (a parere di chi scrive, evitabili) e poi il secondo ospite internazionale della serata, la grintosa Mary J.Blige, che dopo l'esibizione si ferma a scambiare due parole con la conduttrice, e poi accetta di cantare gli auguri di compleanno a Tiziano Ferro.
Viene annunciato il primo risultato del televoto, e succede letteralmente il finimondo: in finale finiscono Marco Mengoni, Pupo ed Emanuele Filiberto di Savoia e Valerio Scanu, e l'esclusione di artisti come Malika Ayane, Noemi, Cristicchi e Irene Grandi, solleva una forte indignazione da parte del pubblico in sala e dall'Orchestra. I membri dell'Orchestra in particolare, esprimono con veemenza il loro dissenso gettando gli spartiti appallottolati sul palco, e pretendono di rendere pubblico il loro voto, così diverso da quello del pubblico da casa che la Clerici si ostina a considerare valido e assolutamente legittimo.

I dubbi però si fanno molto forti, perchè se il consenso per Mengoni può essere condivisibile, così come anche quello per Scanu, è palese che Italia amore mio è un brano che a nessuno piace, basta dare un'occhiata ai numerosi sondaggi apparsi online in questi giorni per rendersene conto.
A calmare le acque (momentaneamente, anche perchè il popolo della rete è già scandalizzato dai risultati del televoto) arriva Maurizio Costanzo, al quale viene dedicato un omaggio. A sua volta, Costanzo si prende qualche secondo per ricordare Mike Bongiorno. E' una serata di forti polemiche questa della finale, ma anche di omaggi: non solo all'icona del pop Michael Jackson, ma anche ad un'icona della nostra televisione, e soprattutto ad una grande poetessa come la Merini.

Si cerca di prendere tempo, in attesa dell'ultimo risultato del televoto, che finalmente arriva dopo un "ragù musicale" ordinato da una Clerici affamata al maestro, e una performance della banda dei Carabinieri. Il vincitore del Festival è Valerio Scanu, con la sua Per tutte le volte che. Peccato che stavolta l'ex-star di Amici non sembri per niente emozionato.

Sanremo 2010: vince Valerio Scanu
Privacy Policy