Redemption

2013, Documentario

Redemption: il sogno di Miguel Gomes a Venezia 2013

Coelho, Berlusconi, Sarkozy e Merkel: le quattro vite immaginarie di 'Redemption' di Miguel Gomes. Il regista di Tabu nel Fuori Concorso di Venezia. Un applauso grande, divertito e liberatorio alla proiezione ufficiale.

Quattro cittadini europei, tre uomini e una donna originari di Portogallo, Italia, Francia e Germania, còlti in un momento fatale delle proprie esistenze, una svolta del destino. I loro nomi: Pedro Passos Coelho, Silvio Berlusconi, Nicolas Sarkozy e Angela Merkel. Sono i protagonisti di Redemption, il film di Miguel Gomes, regista rivelazione di Tabu, presentato oggi nel Fuori concorso del Festival. Il film, presentato insieme a Con il fiato sospeso di Costanza Quatriglio (i film sono distribuiti entrambi da Luce-Cinecittà), dopo Venezia sarà anche a Toronto. Quattro 'finzioni', quattro vite immaginarie che trasfigurano i leader continentali alle prese con una svolta decisiva nella loro esistenza e con confessioni intime, attraverso un suggestivo montaggio di immagini di archivi provenienti dai paesi d'origine, e a testi poetici recitati da voci fuori campo. Coelho, il primo ministro portoghese, scrive da bambino ai genitori lontani sullo stato di debolezza e di tristezza del suo paese. Sarkozy confessa alla giovane figlia l'incapacità di essere un padre presente e partecipe. La cancelliera tedesca rivive le sue nozze, nel '75, nell'ultimo struggente episodio, non riuscendo a nascondere la tenerezza per la vita nella RDT e l'ossessione per un'aria di 'quel fascista di Wagner'. Infine Silvio Berlusconi, nel secondo episodio del film, torna con la memoria al suo primo amore, e a un gesto che solo 3 o 4 compagni di quarta elementare possono ricordare.

"Tutti i testi sono frutto dell'immaginazione degli autori: lo stesso Gomes e Mariana Ricardo" si legge in didascalia alla fine del film. Che si pone però come una riflessione forte sul rapporto tra dimensione privata e politica, attraverso l'unione di testi poetici in forma di diario e brani di film, immagini di archivi pubblici e privati, super 8 domestici. Un gioco sulla memoria in cui i leader sono messi alla stregua di comuni cittadini, con ansie, sogni, traumi personali, in una momentanea democrazia dei sentimenti e una riappropriazione del privato che sempre più nel tempo si è confuso con le cronache dei rappresentanti pubblici. Una sfida di cinema di documenti e invenzione salutata dal pieno, divertito e liberatorio applauso del pubblico alla proiezione ufficiale veneziana - che vede un team di coproduttori di Portogallo, Francia, Germania, (tra cui Arte), e per l'Italia la Okta Film con HFILMS, la collaborazione di Fuori Orario, e Luce-Cinecittà, che distribuisce anche il film per l'Italia oltre a fornire immagini dal suo archivio storico.

Redemption: il sogno di Miguel Gomes a Venezia...

Fonte: Comunicato stampa

Privacy Policy