Philadelphia

1993, Drammatico

Philadelphia: James Corden invia a Trump 297 DVD del film sul tema dell'AIDS

Il conduttore tv ha invitato i cittadini americani a inviare le proprie copie del film al Presidente per fargli capire l'importanza delle iniziative a sostegno delle persone con problemi di salute.

James Corden ha deciso di educare il presidente Donald Trump sul tema dell'AIDS e sulla vita delle persone sieropositive, dopo aver scoperto che sei persone si sono licenziate in segno di protesta a causa del suo disinteresse nei confronti delle tematiche. Per provare a spiegare al Presidente degli Stati Uniti e al suo staff quanto sia importante prendere delle decisioni e agire per aiutare le persone in difficoltà, l'attore e conduttore ha deciso di inviare alla Casa Bianca 297 copie del film Philadelphia.

Leggi anche: AIDS, 1981-2011: da Philadelphia a Le fate ignoranti, nastro rosso sul grande schermo

Corden ha spiegato: "Molto di quello che so è dovuto a quando ho iniziato a scoprire l'esistenza dell'HIV e dell'AIDS e l'ho imparato grazie al film Philadelphia. E' stato il primo film che io avessi mai visto in tv affrontare le tematiche su questa malattia e ho imparato molto. Ho iniziato a preoccuparmi di queste tematiche e ho quindi pensato che forse il problema è che Donald Trump non è interessato alle questioni perché non ha mai visto Philadelphia. Sono infatti quasi certo che sia questo il motivo".

Dopo il tentativo fallito di far recapitare il film alla Casa Bianca, lo staff di Corden ha quindi spedito il maggior numero di copie che sono riusciti a recuperare al resort Mar-a-Lago dove il miliardario e politico trascorre molto tempo.

James ha quindi invitato i suoi spettatori a fare lo stesso e spedire le proprie copie a Trump, rendendogli quindi impossibile ignorare la situazione e ritornare a sostenere economicamente i cittadini americani che vivono ogni giorno lottando per la propria vita.

Philadelphia: James Corden invia a Trump 297 DVD...
Stephen King "bloccato" da Trump su Twitter: "Mi uccido"
Arnold Schwarzenegger contro Trump: "Nessun uomo può distruggere il nostro progresso!"
Privacy Policy