Paul e Mira Sorvino a Giffoni 2013

Paul canta "Torna a Surriento" e rivela: "Non volevo che Mira facesse l'attrice come me".

Sulle note di Torna a Surriento e O sole mio intonate da Paul Sorvino si è aperto e chiuso l'esilarante incontro dell'attore di Quei bravi ragazzi e della figlia premio Oscar Mira Sorvino al Giffoni Film Festival. Parlano in italiano con una leggera cadenza napoletana: "Mio nonno" ricorda divertito Paul Sorvino "era di 'ngoppa o' Vomero". Padre, figlia e nipoti (i due figli maggiori di Mira) sono al Festival dove hanno incontrato i giovani giurati e raccontato loro la non facile carriera di attore. "Ho portato i miei figli qui a Giffoni proprio perché volevo vedessero e respirassero questo mondo dove si vede e si impara il cinema" sottolinea Mira "anche loro hanno recitato di recente". "Mia figlia" dice Paul Sorvino "doveva terminare gli studi ad Harvard, non volevo che li lasciasse per fare il cinema, è un mestiere difficile, devi dare tutto te stesso. Ho chiamato così il mio amico Warren Beatty e gli ho chiesto di dissuaderla".

"A dire la verità" interviene divertita la figlia Mira "non ha mai cercato di distogliermi dal mio intento, anzi mi ha consigliato di andare a vivere il più vicino possibile agli Studios della Columbia!". In ogni caso il destino di Mira era quello scalare la vetta di Hollywood e l'Oscar del '96 come attrice non protagonista per La dea dell'amore di Woody Allen le ha dato ragione. Da pochi giorni la Sorvino ha terminato le riprese di Union Square. Due sorelle, due modi di fare, nuovo film di Nancy Savoca, storia del difficile rapporto tra due sorelle italoamericane: una è sul punto di sposarsi, l'altra è sull'orlo di un esaurimento nervoso. "Un film drammatico, io sono un po' pazzarella, ma è un film molto dolce che mi ha dato tanta soddisfazione". Il prossimo impegno della Sorvino è un film indipendente: Quitters della semidebuttante Noah Pritzker.

Paul e Mira Sorvino a Giffoni 2013

Fonte: Comunicato stampa

Privacy Policy