Parlare di cinema a Castiglioncello: da Vergine giurata a Short Skin!

La madrina della mostra fotografica dedicata al cinema sarà l'attrice Elena Sofia Ricci.

Edizione numero 11 per Parlare di cinema a Castiglioncello dal 16 al 20 giugno, la rassegna diretta da Paolo Mereghetti nata con la prerogativa di offrire al pubblico la possibilità di colloquiare direttamente con chi il cinema lo fa in prima persona. Nella località toscana, da sempre meta prediletta dei nomi più prestigiosi della storia del cinema italiano, si cercherà di fare il punto attraverso incontri e proiezioni sullo stato dell'arte del nostro cinema con particolare attenzione agli esordienti di questa stagione cinematografica.

La manifestazione prenderà il via martedì 16 giugno con la tradizionale inaugurazione della mostra fotografica. Dopo il successo di "Sguardi sul set" che nelle ultime edizioni della manifestazione ha documentato la storia del cinema italiano con i prestigiosi scatti dei più importanti fotografi di scena di diverse generazioni, il punto di vista quest'anno si sposta sul dietro le quinte. Ritratti d'attore fuori del comune in "Note di costume. Addio alle armi e altri film" a cura di Antonio Maraldi per il Centro Cinema Città di Cesena: 42 foto in bianco e nero dall'archivio della contessa Annalisa Nasalli Rocca, costumista cinematografica di grande esperienza, attiva nella seconda metà del Novecento nello staff di decine di produzioni, soprattutto americane, girate in parte in Italia.

"Gli eredi della costumista Annalisa Nasalli Rocca - spiega il curatore Antonio Maraldi - hanno donato qualche anno fa al Centro Cinema una trentina di sceneggiature di film a cui la costumista aveva lavorato. Le pagine di una decina di copioni si sono rivelate ricche di fotografie, di vari formati e accomunate da una caratteristica particolare: una lavagnetta che o è tenuta in mano dai protagonisti o appare di lato, sostenuta da un braccio anonimo. Si tratta di fotografie scattate per il reparto guardaroba, di cui Annalisa Nasalli Rocca era responsabile. Foto quasi sempre anonime utilizzate per evitare errori nei costumi di scena. Tra i film documentati si è voluto dar ampio spazio a due titoli legati alla prima guerra mondiale come Addio alle armi di Charles Vidor (1957) e Le avventure di un giovane di Martin Ritt (1962), entrambi ispirati a pagine di Ernest Hemingway."

Ospite d'onore della giornata l'attrice Elena Sofia Ricci che farà da "madrina" alla mostra fotografica (ore 18.00 - La Limonaia di Castello Pasquini).

Come da tradizione un'attenzione particolare è rivolta agli esordienti le cui opere verranno presentate al pubblico di Castiglioncello che avrà poi l'occasione di dialogare con i registi nel pomeriggio di venerdì 19 giugno (ore 18.00 - La Limonaia di Castello Pasquini) nell'incontro Esordire in Italia: esperienze a confronto moderato da Paolo Mereghetti. Tra le opere prime selezionate quest'anno, due titoli che hanno rappresentato l'Italia alla Berlinale: Vergine giurata di Laura Bispuri che affronta il tema dell'identità magistralmente interpretato da Alba Rohrwacher; Short Skin di Duccio Chiarini, sottotitolo "i dolori del giovane Edo" interpretato dal giovane livornese Matteo Creatini, anche lui ospite della manifestazione. A completare la selezione due commedie: Soldato semplice, esordio come regista, ma anche come sceneggiatore e produttore, del comico Paolo Cevoli; uno spaccato dell'Italia sullo sfondo della crisi economica in Leoni del vicentino Pietro Parolin.

Nel programma, come di consueto, sono previsti incontri di cinema rivolti agli studenti e agli appassionati a cura di Antonello Catacchio. Quest'anno al centro degli incontri sarà il cinema di Robert Altman (17 e 18 giugno ore 10.30 Sala conferenze - Centro "Le Creste").

Parlare di cinema a Castiglioncello: da Vergine...
Short Skin: crescere per fare l'amore o fare l'amore per crescere?
Vergine giurata: Alba Rohrwacher rinuncia al sesso per essere libera
Privacy Policy