Padak: a Firenze la prima italiana del film di animazione coreano

Sesta giornata del Florence Korea Film Fest con 8 film tra corti e lunghi. In seconda serata in scena l'erotico Hypnotized, film scandalo nel 2004 in Corea del Sud.

Domani, mercoledì 20 marzo, la sesta giornata del Korea Film Fest parte alle ore 15 al Cinema Odeon con il corto Grandma Ocean dei giovani Kang Hui-Jin e Han Ah-Ryeom, incentrato su un'anziana signora che vive nell'isola di Jeju, e a seguire la prima italiana del film di animazione Padak del regista Lee Dae-Hee. Il cartone animato racconta la storia di Padak, uno sgombro che, dopo essere stato pescato, finisce nell'acquario di un ristorante dove l'unico riuscito a sopravvivere a lungo è una vecchia sogliola, ormai divenuta leader del gruppo di pesci. L'arrivo di Padak, determinato a trovare il modo di tornare in mare, rompe l'equilibrio dell'acquario, attirando le ire della sogliola veterana. Prosegue l'omaggio all'attrice Jeon Do-Yeon, alle ore 17.30, con il film campione di incassi in Corea del Sud Happy End di Jeong Ji-Woo. Protagonista è Bora, donna in carriera con una bimba neonata e un matrimonio in crisi che sfoga le mancanze della sua vita coniugale imbastendo una relazione con un suo ex e creando così una spirale di sensi di colpa che stravolgerà le dinamiche della coppia.

In prima serata, alle ore 20.15, il cortometraggio collettivo Purpleman dei registi Kim Tak-Hoon, Ryu Jin-Ho, Park Sung-Ho e Yoo Jin-Young, su di un diciottenne disertore nord-coreano che cerca di reinventarsi una nuova vita a Seul. A seguire, per la sezione "Orizzonti Coreani" il thriller Helpless di Byun Young-Joo, dove la ricerca dei genitori di un veterinario scoperchia un vaso di Pandora che porterà alla luce lati nascosti e inaspettati della vita della sua fidanzata. In seconda serata, alle ore 22.45, il corto drammatico, in anteprima nazionale, Beer Lollypop di Chung Hee-Young, su un ragazzo disperato in attesa di un bus, ma l'arrivo di una donna con la sua piccola bambina con un "lecca-lecca" a forma di boccale di birra stravolgerà la sua giornata. A seguire, per la rassegna K-Eros, Hypnotized del regista Kim In-Shik. che narra la storia di Jin-Su, scrittrice fallita che, dopo aver tentato il suicidio, viene rinchiusa dal marito in una clinica dove incontra Seok-won, che cerca di guarirla ipnotizzandola e facendoci sesso.

Padak: a Firenze la prima italiana del film di...

Fonte: Comunicato stampa

Privacy Policy