Moonlight

2016, Drammatico

Oscar 2017, Barry Jenkins: "L'Academy ha ancora dei limiti da superare"

Il regista di Moonlight ha commentato l'importanza delle nomination ricevute dal suo film.

Barry Jenkins ha rivelato la sua opinione sul fatto di essere diventato con Moonlight il primo filmmaker afroamericano a conquistare una nomination agli Oscar nelle tre importanti categorie Miglior Film, Miglior Regia e Miglior Sceneggiatura.
Il regista ha spiegato: "E' una notizia dal retrogusto amaro. Non dovrei essere il primo. Sarò felice quando non ci sarà più spazio per "i primi a fare qualcosa" perché significherà che si sono realizzate determinate cose. Non sono la prima persona che meritava di distinguersi. Non capisco ad esempio come Spike Lee non sia mai stato nominato per questi tre premi... ma per me è importante sottolineare che non si tratta di un confine da superare. Ho realizzato questa opera. La barriera non mi appartiene, è un problema che deve superare l'Academy".

Leggi anche: Oscar 2017: Bahar Pars, star di A Man Called Ove, in difficoltà a causa del decreto di Trump

Jenkins ha quindi parlato della quasi totale assenza di film che affrontino certe tematiche o portino in scena personaggi provenienti da situazioni sociali specifiche: "Quando manca quel tipo di rappresentazione, un'assenza di questo tipo, possono accadere due cose: o inizi a sentire che non hai una voce o le persone che non vivono accanto a te possono iniziare a pensare, per convenienza, che non esisti, che sei invisibile. Quando emergono delle rappresentazioni che colmano quel vuoto, quelle opere assumono un'importanza ancora più grande".

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Oscar 2017, Barry Jenkins: "L'Academy ha ancora...
Oscar 2017
News Nomination Foto Video
Oscar 2017: tutte le nomination, tra i candidati anche Fuocoammare!
"Moonlight" miglior film dell'anno per la Los Angeles Film Critics Association
Privacy Policy