Orange Is the New Black

2013 - ....

Orange Is the New Black: stasera in prima serata su Mya

La serie-fenomeno della nuova stagione TV partirà dal 23 settembre su Mya, ogni martedì in prima serata.

Sono in carcere. Ognuna per un motivo diverso. Ognuna con la propria storia alle spalle. Ognuna con i propri scheletri nell'armadio. Forse, però, non sono mai state così libere. Di guardarsi dentro, di essere sé stesse per sopravvivere, di avere relazioni con gli altri. Soprattutto, le altre. Orange Is the New Black è uno dei titoli seriali di cui la stampa americana si è occupata maggiormente nell'ultima stagione - sia per i temi affrontati che per l'alta qualità di messa in scena - non da ultima la recente copertina del prestigioso Entertainment Weekly che lo ha definito letteralmente "strangest, kinkiest and most surprising hit on tv". La serie, ambientata all'interno di un carcere femminile, racconta le vicende di Piper Chapman (Taylor Schilling), una donna del Connecticut che viene condannata a scontare 15 mesi nella prigione federale di Litchfield per aver trasportato una valigia piena di soldi per conto di Alex Vause (Laura Prepon), una trafficante di droga internazionale un tempo sua amante. Guarda caso quest'ultima finisce nello stesso carcere di Piper...

Leggi anche: Orange is the New Black - una WASP dietro le sbarre

Orange Is the New Black: character poster per Taylor Schilling

Oltre a Piper e Alex, dietro le sbarre si muovono: Galina "Red" Reznikov (Kate Mulgrew), figura materna addetta alla cucina con un passato legato alla mafia russa; Miss Claudette Pelage (Michelle Hurst), la compagna di stanza di Piper finita dentro per aver ucciso l'uomo che molestava una delle ragazzine dell'impresa di pulizie che gestiva col fine di importare clandestini minorenni negli Stati Uniti; la violenta Suzanne "Occhi Pazzi" Warren (Uzo Aduba), la quale sviluppa una sorta di ossessione per Piper tra una lettura di poesie e l'altra; la ninfomane Nicky Nichols (Natasha Lyonne), ex tossicodipendente e braccio destro di Red; la religiosa Tiffany "Pennsatucky" Doggett (Taryn Manning), la quale ha sparato a un dipendente di una clinica specializzata per averla derisa per i suoi 5 aborti; Tasha "Taystee" Jefferson (Danielle Brooks), ormai istituzionalizzata e incapace di vivere fuori di prigione dopo essere stata rilasciata sulla parola; Sophia Burset (Laverne Cox), transgender divenuta tale con l'appoggio della moglie (è finita in cella per truffa fraudolenta di carte di credito per ottenere i soldi da destinare alla cura degli ormoni); Dayanara "Daya" Diaz (Dascha Polanco), la quale instaura una relazione con la guardia carceraria John Bennett (Matt McGorry); l'italo-americana misteriosa Lorna Morello (Yael Stone); Poussey Washington (Samira Wiley), invaghita di Taystee con ancora 4 anni di detenzione da scontare; Carrie "Big Boo" Black (Lea DeLaria), colei che detiene il record di "mogli" in carcere; la manipolatrice e pericolosa Yvonne "Vee" Parker (Lorraine Toussaint).

La serie indaga sull'auto-distruzione e sulla brutalità che si annida anche nell'animo femminile, la prigione è solo un megafono di questo aspetto

ha dichiarato l'ideatrice Jenji Kohan. Tra i premi si contano i 4 recenti Emmy Awards (tra cui uno a Uzo Aduba), il Television Critic Awards ("miglior nuova serie della stagione"), 3 Critics Choice Awards ("miglior comedy dell'anno", premiate Kate Mulgrew e Uzo Aduba), un People's Choice Award, un Peabody Award e il GLAAD Award, il riconoscimento più ambito assegnato dalla comunità gay. Jodie Foster dirige il terzo episodio della prima stagione (intitolato "Lesbian request denied", in corsa agli ultimi Emmy Awards per la "miglior regia" in una comedy) e il primo della seconda.

Orange Is the New Black: Laverne Cox in Little Mustascioed Shit

Il prestigioso "TIME" a maggio 2014 ha dedicato la copertina all'interprete Laverne Cox: prima transgender (vera) ad interpretare una trans ricorrente in una serie tv. Attrice, produttrice televisiva, sostenitrice (e icona) del movimento LGBT, Cox, originaria dell'Alabama, ha confidato a "TIME": "Mi sono sentita una donna per la prima volta in terza elementare. La maestra all'epoca disse a mia madre: 'Signora suo figlio finirà a New Orleans vestito da donna'. I tempi sono cambiati. Oggi rispetto a quando sono cresciuta io puoi sentirti meno sola grazie a Internet. E penso che anche sui media le giovani trans possano trovare più modelli a cui accostarsi rispetto al passato".

Orange Is the New Black: character poster per Natasha Lyonne

Natasha Lyonne, altro volto-rivelazione di "OITNB", in prigione c'è stata davvero, come il suo personaggio Nicky Nichols: per guida in stato di ebrezza (nel 2001), per aver creato zizzanie non meglio precisate nell'appartamento dell'attore Michael Rapaport presso il quale era in affitto (2003) e per aver assalito verbalmente e fisicamente una vicina (nel 2004), con tanto di specchio rotto. Non è un caso che, nell'ambiente, Natasha sia etichettata come una "raising underdog". Eppure grazie a OITNB, Lyonne è tra quelle del cast che svetta, perché a volte, sue parole, "essere passata nei traumi dei personaggi che interpreti ti rende più onesta davanti alla telecamera. E poi non ho dovuto fare alcuna ricerca per interpretare la parte!". Il suo motto è tratto da Albert Camus: "L'unico modo di vivere in un mondo senza libertà è di essere così liberi che la tua esistenza risulti un atto di ribellione".

Perché lei ribelle lo è sempre stata e non rinnega "le cose brutali" che ha vissuto. Nessun imbarazzo a recitare in un carcere con detenute lesbiche: "sono esseri umani, ognuna è libera di essere gay! Quante volte ancora dobbiamo dirci che nella scala Kinsey la sessualità è fluida? Non riesco a concepire come l'America sia ancora così rigida. E' un privilegio lavorare con menti aperte. Non penso mai al mio personaggio come omosessuale, ma come a una donna che ha avuto problemi di droga e che cerca di gestire la situazione al meglio". Sul successo della serie individua il quid: "è divertente e assurda, anche se esistono circostanze drammatiche. E'una sorta di 'M.A.S.H.' ambientato in prigione: nella serie di Robert Altman si rideva nonostante la Guerra di Corea. In 'OITNB' si ride nonostante le sbarre".

Orange Is the New Black: stasera in prima serata...
Privacy Policy