Oceania

2016, Animazione

Oceania: gli attivisti contro Disney. Il semidio Maui è troppo grasso!

I polinesiani sono insorti per la paffuta rappresentazione di una delle loro principali divinità.

Ben prima di uscire nelle sale, la pellicola animata Disney Oceania ha vissuto un piccolo dramma tutto italiano legato al titolo originale, Moana, cambiato per via di possibili allusioni al personaggio di Moana Pozzi.

Adesso il film è diventato bersaglio degli attivisti internazionali. La ragione? Oceania omaggia la cultura e i miti del Sud Pacifico raccontando le avventure di Moana, coraggiosa adolescente che si mette in viaggio per mare alla ricerca di un'isola favolosa aiutata dal semidio Maui, doppiato da Dwayne Johnson. Il problema sollevato dagli attivisti riguarda proprio la rappresentazione di Maui svelata nel primo teaser e nelle prime immagini promozionali. L'eroico Maui incarnerebbe uno stereotipo negativo visto che viene rappresentato decisamente sovrappeso.

Nella mitologia polinesiana Maui è un semidio responsabile di molte azioni eroiche, che includono rallentare il sole e far uscire le Isole Hawaii dal fondo dell'oceano. In molti, però, hanno sollevato dei dubbi ritenendo il Maui versione Disney un po' troppo grasso, il che alimenterebbe gli stereotipi negativi riguardo i polinesiani. Jenny Salesa, membro del Parlamento della Nuova Zelanda, ha commentato così la scelta fatta da Disney: "Quando si guardano le foto dei polinesiani di 100 o 200 anni fa, molti uomini e donne non erano sovrappeso e questo stereotipo negativo nella figura di Maui non è accettabile".

Disney ha cercato di difendersi dalle accuse mosse. Il disegnatore Louie Mantia ha sottolineato come vi siano altri personaggi Disney disegnati un po' on carne come il Genio di Aladdin o Phil di Hercules, il tutto senza alcun intento negativo. Il fumettista samoano Michel Mulipola ha aggiunto che il modo in cui viene disegnato un personaggio è legato alla sua personalità: "Maui è solido, stabile, incarna potere e forza".

Per dare un giudizio definitivo sulle scelte operate da Disney, non ci resta che attendere l'arrivo in sala di Oceania previsto per il 22 dicembre. E voi che ne pensate? Vi piace il modo in cui è stato disegnato Maui o lo trovate offensivo?

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Oceania: gli attivisti contro Disney. Il semidio...
Moana diventa Oceania: la Disney cambia titolo per l'edizione italiana
Zootropolis e il ponte tra la tradizione Disney e la modernità
Privacy Policy