Middle East Now / New Generation: la rassegna dell'Estate Fiorentina

Cinema, Giovani, Musica, Storie dal Medio Oriente in anteprima italiana.

Il Medio Oriente contemporaneo sarà di nuovo protagonista a Firenze con la rassegna "Middle East Now / New Generation" - all'interno del programma di eventi dell'Estate Fiorentina 2016 promossa dal Comune di Firenze - che si svolgerà a partire dal 21 Giugno e fino al 27 luglio, con una serie di appuntamenti in diversi luoghi della città.

Cinema, musica, presentazioni, incontri con esperti e con i registi ospiti: un "mini-festival" estivo dedicato a raccontare in particolare il mondo dei giovani, un fenomeno demografico importante e una componente fortemente innovativa, dinamica e creativa della società del Medio Oriente di oggi. Dotati di una buona istruzione, inseriti nel mondo globale grazie all'uso massiccio delle nuove tecnologie e sempre più liberi dal peso della tradizione, i giovani rappresentano la vera speranza per il futuro. Di questo la rassegna parlerà attraverso una selezione di film, documentari e cortometraggi che hanno come filo conduttore i giovani, sia dietro che davanti la macchina da presa: una nuova generazione, un nuovo modo di fare cultura che fa della creatività lo strumento per creare i cittadini di domani.

13 in totale i titoli in programma - tra lungometraggi, cortometraggi, documentari e fiction - molti dei quali in anteprima italiana, provenienti da Iran, Libano, Palestina, Arabia Saudita, Giordania, Siria, Israele, Turchia, Egitto. E tra i luoghi coinvolti l'arena estiva Apriti Cinema! in Piazza Santissima Annunziata, l'Off Bar - Lago dei Cigni alla Fortezza da Basso, e il Light - Giardino di Marte a Campo di Marte. La rassegna presenta anche il Premio al miglior cortometraggio "Middle East / New Generation", assegnato da una giuria composta da giovani fiorentini e da giovani originari dei paesi del Medio Oriente residenti a Firenze.

Middle East Now / New Generation si apre martedì 21 Giugno - nell'ambito della rassegna Apriti Cinema! in Piazza SS. Annunziata - con il pluripremiato documentario SONITA (2015) della regista Iraniana Rokhsareh Ghaem Maghami, sull'incredibile storia di Sonita, teenager arrivata dall'Afghanistan alle periferie di Teheran, che sogna di diventare una rapper di successo come il suo idolo Eminem. A seguire, in anteprima italiana, la nuova serie tv THE WRITER firmata da Sayed Kashua, scrittore arabo-israeliano autore dell'acclamato romanzo Arabi Danzanti. Protagonista è Kateb, alter ego dello scrittore stesso, che da Arabo palestinese che vive in Israele lotta quotidianamente con la sua crisi di identità, con una buona dose di ironia.

Si prosegue martedì 28 Giugno, sempre in SS. Annunziata (ore 21.30), con la proiezione del cortometraggio candidato agli Oscar 2016, AVE MARIA di Basil Khalil (2015), uno dei più talentuosi giovani registi palestinesi che sarà presente alla proiezione: protagoniste le suore del Convento della Misericordia nel deserto della West Bank, la cui routine quotidiana di silenzio e preghiera è interrotta bruscamente dall'arrivo di una famiglia di coloni ebrei, che con la loro auto si scontrano contro il muro del convento. A seguire il palestinese Stereo di Rashid Masharawi, che attraverso le avventure di Samy e suo fratello maggiore "Stereo" dipinge l'assurdità della vita in Palestina, in cui comicità e disperazione si fondono.

Martedi' 5 luglio (ore 21.30) l'ultimo appuntamento all'interno dell'arena in Piazza SS Annunziata, con una doppia proiezione in anteprima: prima il mediometraggio MARIAM della regista saudita Faiza Ambah, ambientato a Parigi nel 2004, dove la quattordicenne Mariam si scontra con la legge che vieta di indossare il velo nelle scuole pubbliche e la costringe a una scelta difficile; a seguire il documentario RAVING IRAN di Susanne Regina Meures (Svizzera, Iran, 2016, 84'), protagonisti Anoosh e Arash, due giovani Dj della scena underground di Tehran, che stanchi di doversi nascondere dalla polizia decidono di organizzare un ultimo rischioso rave party nel deserto. E quando arriva l'invito al più importante festival di musica tecno del mondo, dovranno scegliere tra la libertà d'espressione artistica e il loro paese.

Il 21 luglio (Light - Giardino di Marte, ore 21.30) e il 27 luglio (OFF Bar - Lago dei Cigni, ore 21.30), il programma di New Generation si concentra sui cortometraggi realizzati da giovani registi mediorientali. Tra i titoli che saranno proiettati: Waves'98 di Ely Dagher (Libano, 2015), corto d'animazione premiato al Festival di Cannes, sulla quotidianità e la voglia di evasione di giovane inquieto e solitario, che vive alla periferia di Beirut, tra i palazzi fatiscenti segnati dalla guerra; l'anteprima italiana di LOST di Mohammed Alfaraj (6'), documentario corto che accende i riflettori sulla vita degli arabi senza nazionalità che abitano nel sud dell'Arabia Saudita; la commedia corta egiziana Dry Hot Summer di Sherif Elbendary (Egitto, Germania, 2015), corto vincitore del premio OFF Cinema a Middle East Now 2016; e il cortometraggio dalla Turchia, Tuesday di Ziya Demirel (Turchia, Francia, 2015, 12') che segue un normale giorno di scuola per una ragazzina adolescente di Istanbul e il suo rapporto con gli uomini.

Il Premio al miglior cortometraggio "Middle East / New Generation" Nei giorni della rassegna una giuria composta da giovani fiorentini e da giovani originari dei paesi del Medio Oriente - residenti a Firenze, voterà il miglior cortometraggio tra quelli presentati in programma, assegnando il premio "Middle East / New Generation - Estate Fiorentina 2016".

Middle East Now / New Generation: la rassegna...
Hany Abu-Assad: la nostra intervista al regista di Omar e Paradise Now
The Salesman: Farhadi esplora il gusto amaro della vendetta
Privacy Policy