Middle East Now: focus su Siria e Palestina e anteprima di The Idol

Dal 5 al 10 aprile 2016 torna a Firenze la rassegna dedicata al Medio Oriente. In programma l'omaggio alla regista turca Yesim Ustaoglu.

Middle East Now torna a Firenze dal 5 al 10 aprile 2016, per una full immersion di cinema, documentari, arti visive, musica ed eventi sul Medio Oriente oggi. 44 film in anteprima italiana, e un ricco programma di eventi, progetti speciali, talks e incontri.

Focus Palestina

Dégradé: Hiam Abbass con Maisa Abdelhadi in una scena del film

Oltre all'omaggio alla regista turca Yesim Ustaoglu e ai tanti special guest, Middle East Now 2016 dedica un focus alla Palestina, con tanti titoli e approfondimenti. A partire dalla opening night che porterà sul grande schermo Dégradé, il primo film dei gemelli registi palestinesi Tarzan & Arab - che saranno di nuovo a Firenze - presentato all'ultimo festival di Cannes. Storia tutta al femminile - tra le attrici anche Hiam Abbass e la stella emergente Maisa Abd Elhadi - girato in un salone di bellezza in una caldissima giornata estiva nella Striscia di Gaza. Dalla Palestina anche l'anteprima italiana di Speed Sisters di Amber Fares, la storia di cinque donne che stanno conquistando un posto nella scena tutta al maschile delle gare automobilistiche in Palestina. E una speciale anteprima al festival anche la proiezione di The Idol, l'ultimo film di Hany Abu-Assad, regista due volte candidato agli Oscar e già ospite a Firenze, che in questo nuovo biopic racconta l'incredibile storia di Mohammad Assaf, il ragazzino di Gaza che ha vinto il talent show Arab Idol. E ancora il cortometraggio candidato agli oscar 2016 Ave Maria, del giovane talentuoso regista palestinese Basil Khalil, e tanto altro ancora, tra cui una sorpresa speciale per la Closing Night!

Focus Siria

Locandina di A Syrian Love Story

Anche la Siria avrà un'attenzione particolare con tanti titoli in programma, talk ed eventi speciali. Il regista Sean McAllister torna a Middle East Now con il suo nuovo pluripremiato documentario A Syrian Love Story, girato nell'arco di cinque anni, sulla storia d'amore spezzacuori di una coppia di attivisti minacciata dagli orrori della guerra. E dalla Siria anche l'anteprima del documentario District Zero girato nel campo di profughi di Zaatari, sulla vita quotidiana che ruota attorno a un negozio di telefoni cellulari, prodotto col contributo di Oxfam Italia e Commissione Europea. Il cortometraggio Another Kind of Girl della diciassettenne Khaldiya Jibawi, che riflette su come la vita nel campo profughi le abbia aperto nuovi orizzonti; e l'anteprima del progetto di documentario Mr. Gay Syria della giovane regista turca Ayse Toprak, film ancora in produzione e sviluppato da Greenhouse, sulla battaglia personale di un attivista per i diritti dei gay nel trovare un siriano che partecipi al concorso di bellezza Mr. Gay World.

Eventi musicali

La famosa cantante algerina SOUAD MASSI in una performance speciale per il festival! Souad Massi è considerata una delle più celebri autrici e cantanti della musica araba contemporanea. Nata ad Algeri, da una famiglia di origine berbera, Souad sarà al festival come attrice protagonista del film palestinese Eyes of a Thief, e nell'occasione si esibirà in una speciale performance al cinema Odeon, domenica 10 Aprile. E ancora musica al festival, con altre news in arrivo! Per informazioni www.middleastnow.it.

Middle East Now: focus su Siria e Palestina e...
Hany Abu-Assad: la nostra intervista al regista di Omar e Paradise Now
Privacy Policy