Logan: James Mangold spiega come la storia si colloca nel mondo degli X-Men

La musica di Johnny Cash distingue il trailer dal resto del mondo degli x-Men anticipando la visione di qualcosa di diverso dal passato.

Il trailer di Logan diffuso ieri consolida la sensazione di avere a che fare con un'opera separata dall'universo degli X-Men. Le uniche due connessioni col passato sembrerebbero essere la presenza di Hugh Jackman e di Patrick Stewart nel ruolo del Professor X.

A chiarire i dubbi ci ha pensato James Mangold, il quale spiega la ragione per cui in un futuro non troppo lontano i mutanti sembrano scarseggiare, mentre Wolverine e l'anziano Professor X devono salvare una misteriosa ragazza da Reavers, il cui scopo è abbattare tutti i mutanti.

"Ovviamente ho una connessione con il brano di Johnny Cash, Hurt, che ho scelto per il trailer. Lo adoro, ne condivido il tono, il messaggio e la musica. Ma la vera ragione che mi ha spinto ad apportare questi cambiamenti è la necessità di distinguerci dalle altre pellicole sui supereroi. Vogliamo proporre qualcosa di diverso e vogliamo essere sicuri che il pubblico lo capisca. Anche quando un film è diverso, lo studio tenta di venderlo uniformando il marketing. La musica di Johnny Cash ci distingue dallo standard, dalle composizioni orchestrali pompose, dai colpi improvvisi e dalle esplosioni".

Leggi anche: X-Men: 10 cose che (forse) non sapete sulla saga mutante della 20th Century Fox

James Mangold ribadisce di considerare Logan qualcosa di distinto dall'X-Men movie universe: "Hugh e io abbiamo parlato a lungo di ciò che volevamo fare e per entrambi il requisito essenziale per girare questo film era essere liberi di distanziarci dal passato e di cambiare tono. Non solo per amore del cambiamento, ma anche per fare qualcosa che parlasse ai nostri tempi. Il mondo è cambiato. Ci siamo chiesti come potevamo costruire una storia che, anche senza il coinvolgimento di supereroi, riflettesse sui loro poteri, sulla lotta e sul cambiamento".

Parlando della timeline in cui si colloca Logan, il regista aggiunge: "Siamo nel futuro. Abbiamo superato l'epoca dell'epilogo di X-Men: Giorni di un futuro passato. Ritroveremo questi personaggi in circostanze più realistiche. Il film toccherà temi come la vecchiaia, la solitudine, l'appartenenza a un mondo. Sono ancora utile alla società? Ho visto questo film come un'opportunità. Abbiamo visto questi personaggi in azione, intenti a salvare l'universo. Ma cosa succede quando vanno in pensione e la loro carriera finisce?"

Logan arriverà nei cinema il 3 marzo 2017.

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Logan: James Mangold spiega come la storia si...
Logan: Un futuro cupo e violento nel primo trailer
Logan: una foto chiede "Dove sono tutti i mutanti?"
Privacy Policy