Leonardo DiCaprio, Marlon Brando e il caso dell'Oscar sequestrato dal governo USA

L'attore ha ricevuto diversi regali dalla casa di produzione finita sotto l'inchiesta dei federali: oltre all'Oscar di Marlon Brando, è stato sequestrato persino un Picasso originale

La casa di produzione Red Granite Pictures è finita sotto i riflettori dei procuratori federali americani. La compagnia, co-fondata dal figlio del primo ministro malese, è sospettata di attività illegali tra cui riciclaggio di almeno 3.5 miliardi di dollari. Per questa indagine, Leonardo DiCaprio ha dovuto restituire un Oscar - che Marlon Brando aveva vinto per Fronte del porto - che la Red Granite gli aveva regalato dopo aver girato The Wolf of Wall Street. Il governo crede che la casa di produzione abbia regalato a Di Caprio anche un dipinto di Picasso, che l'attore ha subito consegnato alle autorità, e come spiega Sandra Brown, rappresentante del governo federale degli Stati Uniti:

"Questo caso riguarda miliardi di dollari che sarebbero dovuti andare al popolo della Malesia, ma invece sono stati utilizzati da pochi individui unicamente per la loro sconvolgente avidità."

La Red Granite aveva anche comprato i diritti di Scemo & + scemo 2 e di Daddy's Home, e le autorità stanno cercando i documenti per requisire anche questo materiale.

Leggi anche:

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Leonardo DiCaprio, Marlon Brando e il caso...
Leonardo DiCaprio e l'Oscar, un anno dopo: ecco come è andata
Edward Norton ha dato il soprannome "Leo lo sfigato" a DiCaprio
Privacy Policy