Labyrinth - Dove tutto è possibile

1986, Fantastico

Labyrinth, Jennifer Connelly: "David Bowie è stato il mio eroe sul set"

L'attrice americana parla del suo rapporto con David Bowie sul set del film cult di Jim Henson.

Cristiano Ogrisi

Jennifer Connelly ha recentemente ammesso che David Bowie è diventato per lei un mito durante la lavorazione di Labyrinth - Dove tutto è possibile.

Leggi anche: David Bowie fra Sound & Vision: la Top 10 delle scene cult con le canzoni del Duca Bianco

L'attrice 45enne ha interpretato il ruolo di Sarah nel film cult fantasy datato 1986, uno dei suoi primi ruoli importanti, insieme al famoso cantante che interpretava il Re dei Goblin.

In un'intervista con Metro, ha affermato:

"È stato molto triste perderlo. Ho splendidi ricordi del mio lavoro con David. In quei giorni, hanno costruito davvero quei set e quelle creature, era una posto incredibile dove stare per una piccola quattordicenne. Mi sono divertita un mondo sul set e Bowie era la maggior parte del mio divertimento, è davvero diventato un eroe per me. Riusciva a far sentire ognuno rispettato e apprezzato."

La star, nelle sale con American Pastoral, ha anche parlato di come si sentisse in difficoltà di fronte alle grandi star con cui ha lavorato da giovane, come Dennis Hopper e altri:

"Sapevo chi fosse Dennis. Io avevo 17 anni e sapevo tutto di lui. Sapevo tutto anche di Jim Henson, il regista e creatore dei Muppet, quando ho lavorato con lui. Ero piuttosto intimorita da giovane, ricordo che ero nervosa perchè stavo per fare un provino con Robert De Niro. Ma mi sono calmata e non mi sono agitata, nonostante tutto."

Jennifer Connelly tornerà nelle sale nel 2017 come protagonista di Granite Mountain, il nuovo film di Joseph Kosinski (Tron Legacy, Oblivion).

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Labyrinth, Jennifer Connelly: "David Bowie è...
I 30 anni di Labyrinth: versione deluxe, nuovi extra e anche il 4k
Labyrinth: 5 ragioni per cui oggi sarebbe impossibile replicarlo
Privacy Policy