Justice League

2017, Animazione

Justice League: Zack Snyder lascia il posto a Whedon dopo tragedia familiare

Zack Snyder ha annunciato che si prenderà una pausa dal lavoro per stare accanto ai suoi familiari dopo la morte di sua figlia, che si è tolta la vita a marzo. Joss Whedon completerà il lavoro e girerà le ultime scene.

Una notizia che arriva come una doccia fredda: Zack Snyder e sua moglie Deborah Snyder, rispettivamente regista e produttrice di Justice League hanno annunciato che si prenderanno una pausa dai rispettivi impegni professionali per dedicarsi alla famiglia e stare accanto ai figli in un momento per loro difficilissimo. La figlia degli Snyder infatti, si è suicidata il 20 marzo e i genitori si sono resi conto che ora più che mai è necessario stare vicini agli altri figli.

Justice League: Zack Snyder sul set del film

"All'inizio pensavo che seppellirmi nel lavoro mi avrebbe aiutato" - ha detto Snyder - "gli impegni ti consumano, perché si tratta di un lavoro davvero intenso. Poi in questi ultimi due mesi ho deciso di fare un passo indietro e dedicarmi ai miei figli. Hanno bisogno di me, stanno vivendo un periodo difficile e io con loro." Autumn Snyder aveva solo vent'anni e la sua tragica scomparsa è stata annunciata pubblicamente solo nelle ultime ore.

Snyder ha spiegato inoltre che non avrebbe voluto rendere pubblico il suo lutto, ma quando ha deciso di prendersi una pausa ha preferito parlarne per evitare che iniziassero a girare voci inesatte sulla sua decisione. Inevitabilmente la morte di Autumn ha messo Snyder di fronte a nuove priorità: "Voglio che il film sia bellissimo e sono un fan dei cinecomics, ma rispetto a ciò che è successo ovviamente passa in secondo piano. So che i fan saranno preoccupati per il film, ma ho sette ragazzi che hanno bisogno di me. Alla fine è solo un film. Un bel film, ma solo questo."

Leggi anche: Tredici: tra suicidio e bullismo, perché la nuova serie Netflix è un teen drama duro e realistico

Autumn, ha spiegato sua madre Deborah, "amava tantissimo scrivere" e aveva anche scritto un romanzo sci-fi fantasy in cui la protagonista, una outsider, aveva difficoltà ad inserirsi in società. Deborah è stata la prima persona a cui Autumn ha fatto leggere questo romanzo e "rileggerlo è come ascoltare la sua voce". Gli Snyders hanno intenzione di pubblicare questo romanzo e devolvere il ricavato in beneficenza. "Lei non ce l'ha fatta, ma la protagonista del suo romanzo invece sì, e questo potrebbe essere d'aiuto per altre persone." Snyder infine ha ricordato che sua figlia aveva fatto sua una frase di Chuck Palahniuk che scriveva praticamente ovunque e che adesso suona dolorosa e profetica.

Tutti moriamo. L'obiettivo non è vivere per sempre, ma creare qualcosa che resti

Tornando a Justice League, Joss Whedon è stato incaricato di ultimare il lavoro di Snyder e girerà alcune scene che poi saranno aggiunte alla versione definitiva del film. Da parte della Warner Bros c'è la massima disponibilità a venire incontro alle esigenze di Snyder, anzi lo studio aveva proposto di posticipare la data di uscita, che però al momento resta invariata. Justice League uscirà negli USA il 17 novembre 2017.

Justice League: Zack Snyder lascia il posto a...
Tredici, associazioni anti-suicidio all'attacco della serie Netflix: "troppo violenta"
Robin Williams, sua moglie racconta i suoi ultimi mesi in un articolo
Privacy Policy