Johnny Depp si scusa per la sua battuta contro Trump: "Non volevo ferire nessuno"

La star del cinema ha voluto chiarire le controverse dichiarazioni fatte al festival britannico di Glastonbury.

Johnny Depp ha voluto porgere le proprie scuse per la battuta in cui chiedeva al pubblico del festival di Glastonbury quando era stata l'ultima volta che un attore aveva ucciso un presidente degli Stati Uniti.
Ovviamente le parole erano riferite a John Wilkes Booth, che aveva assassinato Lincoln, e la battuta sottolineava il suo poco apprezzamento nei confronti di Donald Trump.

La Casa Bianca aveva reagito dichiarando: "Il Presidente Trump ha condannato la violenza in tutte le forme ed è triste che un personaggio pubblico come Johnny Depp non abbia seguito il suo esempio. Speriamo che alcuni colleghi di Depp si schierino fortemente contro questo tipo di retorica come se i suoi commenti fossero diretti a un candidato democratico".

Johnny ha ora spiegato: "La battuta non è venuta come volevo e non c'era alcuna forma di malizia. Stavo solo cercando di divertire, non di ferire qualcuno".

Johnny Depp si scusa per la sua battuta contro...
Johnny Depp: la battutaccia sull'omicidio di Trump accolta tra applausi e contestazioni
Pirati dei Caraibi 5: quando Johnny Depp convinse Paul McCartney a partecipare al film
Privacy Policy