007 Spectre

2015, Azione

Spectre a Roma: la Film Commission risponde alle polemiche

Secondo Luciano Sovena, Presidente Roma Lazio Film Commission il nuovo film di 007 rappresenta una grande risorsa economica per la capitale.

A proposito delle polemiche uscite in questi giorni su alcuni quotidiani nazionali, relative alle riprese del film 007 Spectre, il Presidente della Roma Lazio Film Commission Luciano Sovena dichiara: "Le riprese di SPECTRE non comportano soltanto disagi per i romani, ma vanno considerati anche gli enormi vantaggi che ne derivano: l'occupazione del suolo pubblico viene regolata secondo le normali tariffe comunali in vigore, per una spesa totale, che verrà quantificata al termine delle riprese, indicativamente compresa tra i seicentomila e il milione di euro. Va poi evidenziato l'indotto pari a circa sedici milioni di euro che si riferisce a: 200 persone assunte oltre alle diarie, ristoranti, alberghi, camion, luci, trasporti, pulmini, location, attrezzature, comparse, e tutte le altre spese sul territorio. La produzione ha inoltre avuto attenzione a non gravare sulla città, agevolando la gestione dei rifiuti legati alle riprese. Il film di Sam Mendes su James Bond è stato venduto in tutto il mondo, con un enorme riflesso positivo per il cineturismo che porterà nella nostra città e nella nostra regione turisti da ogni paese, rilanciando il posizionamento della nostra offerta turistica a livello internazionale."

Spectre: la prima immagine di Daniel Craig nel film
Spectre a Roma: la Film Commission risponde alle...

Fonte: Comunicato Stampa

Privacy Policy