Homeland

2011 - ....

Homeland: Alex Gansa e Howard Gordon difendono il finale di stagione

I due autori fanno fronte alle critiche dirette al finale della seconda stagione della hit serie che vede protagonisti Claire Danes e Damian Lewis.

Attenzione! Consigliamo ai gentili lettori che non vogliono conoscere dettagli inediti sul finale della seconda stagione di Homeland, di non proseguire nella lettura di questa news.
Bordy e Carrie ci hanno guidato attraverso una seconda stagione ricca di colpi di scena e tensione al cardiopalma (specie il povero Brody, che si è ritrovato a un passo dall'esaurimento nervoso) e il finale andato in onda il 16 dicembre, The Choice, ha avuto un altissimo seguito di pubblico, ma non tutti hanno gradito la chiusura del secondo ciclo della serie; anzi, c'è una buona fetta di critici e fan che hanno lamentato una profonda delusione per come si sono svolti gli eventi. Il vocìo si è intensificato al punto che Alex Gansa e Howard Gordon, auoti e shorunner del serial, hanno organizzato una conferenza stampa per rispondere ad alcune delle domande più pressanti e per illustrare cosa hanno in mente per il futuro dei due amanti perseguitati dalla sfortuna.

Claire Danes insieme a Mandy Patinkin nella seconda stagione di Homeland
I due hanno aperto le danze dicendo che il finale è stato pensato come speculare all'ultimo episodio della prima stagione, dove "Carrie era l'unica a essere convinta che Brody fosse colpevole, mentre adesso è l'unica a credere nella sua innocenza" dice Ganza. Quasi tutti i giornalisti presenti hanno chiesto perché la chiamata tra Brody e Abu Nazir non è stata monitorata dalla CIA e l'autore ha risposto che "Brody ha dato tutte le informazioni relative all'imminente attacco alla CIA e il suo materiale si è rivelato essenziale e veritiero, di conseguenza il suo ruolo all'interno dell'operazione era finito. La CIA a questo punto ha smesso di monitorare i suoi movimenti perché ha ritenuto, in errore, che non ce ne fosse bisogno", una spiegazione alquanto tirata visto che Brody è comunque considerato alla stregua di un terrorista, riformato certamente, ma sempre un terrorista che è stato sul punto di farsi saltare in aria con dozzine di altre persone.

Damian Lewis e Morgan Saylor in una scena dell'episodio The Clearing della serie TV Homeland
Alla domanda su come Carrie e Brody abbiamo potuto scappare così facilmente, Gansa ha spiegato che nel caos che si è scatenato subito dopo l'esplosione a Langley è stato semplice per loro sgusciare via, visto che non erano ancora arrivati i primi soccorsi sul luogo dell'attentato;"inoltre Brody e Carrie al momento erano dati per morti, quindi non c'era motivo di cercarli. Quando poi la verità è emersa, i due avevano già due giorni di vantaggio e Brody ha accesso alla rete di contatti di Carrie, quindi non sarà facile rintracciarlo". Un'altra questione portata alla luce è la storyline di Dana e dell'incidente, che i più hanno trovato debole e priva di senso; Gordon ha risposto che effettivamente "il piano per questo arco narrativo era diverso, molto più profondo, ma poi durante la stagione è stato modificato. L'incidente e le sue conseguenze servivano a far deteriorare il rapporto tra Dana e suo padre e allo stesso tempo dovevano dipingere Walden in termini negativi".

Per quanta riguarda il futuro vediamo cosa ci aspetta: in primis gli autori hanno assicurato il ritorno del cast e anche di Quinn (Rupert Friend), che è diventato uno dei favoriti del pubblico. Alcune teorie sul web vogliono Brody implicato nell'attentato, e Gordon ha commentato che sicuramente "c'è chi penserà a un suo coinvolgimento, ma non abbiamo nessuna intenzione di rassicurarli o dissuaderli, dovrete vedere per sapere". La questione della talpa all'interno della CIA è uno temi che saranno al centro della trama, anche perché "è molto probabile che sia stata la talpa a spostare l'auto di Brody".
Quello che però sarà il cuore della prossima stagione è il rapporto tra Carrie e Saul "che è il centro morale della serie. Sin dall'inizio è sempre stato questo il concetto di Saul, l'architettura del finale ruota intorno a lui, la sua impotenza, la sua ira controllata e la disperazione per la morte di Carrie. Lui e Carrie saranno i motori della storia della terza stagione. Lei ha lasciato andare Brody ed è tornata indietro, da Saul, ha scelto lui e la CIA, la sua missione.
Ovviamente gli autori non stiamo parlando di un coinvolgimento romantico (almeno speriamo) ma bensì della vocazione di Carrie e del rapporto che ha con il suo mentore. In conclusione, Gansa e Gordon hanno indirizzato i reporter presenti dicendo "non vogliamo difendere lo show, nelle nostre menti sappiamo bene cosa sta succedendo e perché e speriamo di aver risposto alle domande che il pubblico aveva in merito al finale. Adesso possiamo cominciare la nuova stagione, un nuovo viaggio per tutti quelli che ci hanno seguito fino ad ora".

Homeland: Alex Gansa e Howard Gordon difendono il...
Privacy Policy