Harry Potter e la pietra filosofale

2001, Fantastico

Harry Potter: J.K. Rowling rivela il passato di Petunia e Vernon

La scrittrice ha pubblicato sul sito Pottermore nuovi dettagli sugli zii di Harry: dal primo incontro al motivo per cui Vernon odia tanto il nipote.

In occasione del trentacinquesimo compleanno di Dudley Dursley, cugino di Harry Potter, la scrittrice J.K. Rowling ha condiviso online nuovi dettagli sulla storia di Vernon e Petunia, i suoi genitori.
Sul sito Pottermore l'autrice ha pubblicato delle informazioni su come la coppia si è innamorata dopo essersi incontrata mentre lavoravano in un ufficio, ecco i dettagli più interessanti.

La sorella di Lily ha subito sperato che Vernon fosse la persona giusta con cui condividere la sua vita e ha iniziato a sognare il momento del fidanzamento ufficiale. Dopo aver ricevuto il tanto desiderato anello, la giovane ha però dovuto farsi coraggio e confessare al promesso sposo che sua sorella era una strega.
La reazione di Vernon è stata di comprensione e ha giurato che non avrebbe mai utilizzato il fatto di avere "una sorella scherzo della natura" contro di lei.

La coppia ha poi trascorso una serata disastrosa insieme a Lily e James: Vernon sosteneva che i maghi fossero squattrinati e il giovane Potter aveva sottolineato invece di essere molto ricco, elemento fonte di particolare tensione. Petunia e Vernon, successivamente, non andarono nemmeno al matrimonio di Lily e James e l'annuncio della nascita di Harry venne addirittura gettato nella spazzatura.

La scrittrice ha infine spiegato che Vernon odiava Harry perché gli ricordava troppo James e di aver dovuto rinunciare a mostrare un addio più emozionante tra Petunia e il nipote, pur di rimanere fedele fino all'ultimo alla natura del personaggio.

Daniel Radcliffe (Harry Potter) e la famiglia Dursleys in una scena del film Harry Potter e la pietra filosofale
Harry Potter: J.K. Rowling rivela il passato di...
Harry Potter, scherzi "rumorosi" sul set per Radcliffe e Rickman
J.K. Rowling dichiara: "Non scriverò Harry Potter 8, ma mai dire mai"
Privacy Policy