Ghostbusters

2016, Commedia

Ghostbusters: ecco le prime recensioni della critica americana

La critica si divide, ma i giudizi sono in gran parte positivi. Si parla di un reboot solido, ma che osa troppo poco.

Dopo la campagna di odio massmediatico sollevata sui social media, arrivano le prime recensioni del reboot di Ghostbusters e non sono così negative come molti si aspetterebbero. Se il trailer è stato votato come il promo più odiato su YouTube e le quattro protagoniste sono state bersagliate dai puristi del franchise originale - e anche da qualche commentatore assai misogino - i critici hanno fornito giudizi molto più equilibrati.

Leggi anche: Ghostbusters: il cast manda un messaggio agli haters

David Rooney di The Hollywood Reporter scrive: "Il fatto è che un restyling infuso di estrogeni, in particolare uno con un cast comico di talento, era un'idea promettente. Purtroppo a mancare è l'inventiva. E' un film pieno di rumore e caos, con poche sorprese e un eccesso di esuberanza comica".

Più positivo il parere di Manohla Dargis del New York Times: "Scivolando verso i cinema in un fiume di slime accompagnato da buone vibrazioni, il nuovo genuinamente sciocco Ghostbusters è il tentativo di un grande studio di offrire un film godevole e accomodante. In altre parole, non ci sono molti cromosomi XY e voci profonde, anche se compare il sensuale Chris Hemsworth in un ruolo da belloccio scarsamente intelligente. Da un certo punto di vista è esattamente ciò che ci si aspetterebbe da Paul Feig, una delle cose migliori apparse nel panorama della commedia americana dai tempi di Harold Ramis."

Leggi anche: Nostalgia anni '80: giochi ed eroi tornano al cinema

Stephanie Zacharek di Time commenta: "Ghostbusters è la creatura definitiva di Paul Feig, un affabile ritornello inventivo sullo zaino protonico di Ivan Reitman che non ha altro scopo se non quello di farci ridere. Per una commedia estiva, non vi è scopo più nobile."

Ecco il parere di Nigel M Smith del Guardian: "Gioite! Il nuovo Ghostbusters è buono. Molto buono, in realtà. Deve essere così. Nessuna commedia ha subito tanti pregiudizi e ostilità quanto questo reboot. Le critiche a priori non devono condizionare il film. Il divertimento trapela da ogni scena, così come l'energia di un team che prova a rivoluzionare il panorama del blockbuster. Speriamo che il pubblico si diverta."

Ecco il parere di Jen Yamato del Daily Beast: "Con tanti buoni propositi e un senso di riverenza nei confronti dei predecessori, le nuove acchiappafantasmi Kristen Wiig, Melissa McCarthy, Kate McKinnon e Leslie Jones piantano la loro bandiera su un franchise comico amatissimo anche se ci vorrà un miracolo per convertire gli ipercritici haters".

Per la nostra recensione, invece, dovrete aspettare il prossimo 28 Luglio: anche se abbiamo già visto il film da un paio di settimane, non potremo parlarne fino al giorno dell'uscita italiana.

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Ghostbusters: ecco le prime recensioni della...
Ghostbusters, Paul Feig a Roma: “Ecco come ho fatto un reboot pericoloso”
GhostBusters 3: il sequel/reboot che (quasi) nessuno vuole
Privacy Policy