Gabriele Muccino a Giffoni il 22 luglio: il regista riceverà il Premio Truffaut

Muccino sarà ospite il 22 luglio per la giornata conclusiva dell'edizione 2017 di Giffoni e racconterà la sua carriera ventennale ai ragazzi presenti al festival.

Per la 47esima edizione del Giffoni Film Festival (14-22 luglio) arriva alla Cittadella del Cinema Gabriele Muccino: il regista e sceneggiatore, ospite il 22 luglio per la giornata conclusiva dell'edizione 2017, ritirerà il Premio Truffaut e racconterà la sua carriera ventennale, maturata tra l'Italia e gli Stati Uniti, a giurati e ragazzi della Masterclass. Un'occasione speciale per ripercorrere il cammino artistico di un'indiscussa firma del cinema italiano, acclamata anche all'estero.

Venezia 2016: Brando Pacitto, Matilda Lutz, Taylor Frey, Joseph Haro con Gabriele Muccino al photocall de L’estate addosso

Un atteso ritorno a Giffoni (dove è stato ospite nel 2001) per un autore che ha saputo attraversare, con delicatezza e autenticità, emozioni e turbamenti di una generazione in crescita, i dubbi e le incertezze delle relazioni umane, i mali di vivere della società del terzo millennio in piena crisi, economica e di valori. Adolescenti in cerca d'autore ed eterni Peter Pan in difficoltà esistenziali e professionali i personaggi raccontati in molti dei suoi film, come Ecco Fatto (1998), Come te nessuno mai (1999), L'estate addosso (2016) e Ricordati di me che gli è valso, nel 2003, il Nastro d'argento come miglior sceneggiatura. Il percorso artistico di Gabriele Muccino è stata un continuo crescendo di riconoscimenti e successi che lo hanno consacrato all'attenzione del pubblico internazionale, anche grazie a La ricerca della felicità (2006) e Sette anime (2008), le due opere struggenti in cui ha diretto la star Will Smith.

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Gabriele Muccino a Giffoni il 22 luglio: il...
Gabriele Muccino su Captain America: Civil War: "B movie per dementi"
Padri e figlie: Gabriele Muccino racconta la sua Hollywood
Privacy Policy